Energia, tutto italiano il nuovo sistema di stoccaggio

Italia Pioniera nella Rivoluzione dell’Energia Verde in UE con il Progetto di Stoccaggio da 17,7 Miliardi di Euro

 

La Commissione Europea ha approvato un innovativo progetto di stoccaggio dell’energia elettrica che afferma di fatto l’Italia come leader nel settore dell’energia rinnovabile. Con un investimento di 17,7 miliardi di euro, il progetto mira a rivoluzionare il modo in cui l’energia verde viene immagazzinata e distribuita, portando la capacità di stoccaggio del Paese a oltre 9 GW/71 GWh entro il 2033.

Il Nuovo Regime Italiano

Il Regime Italiano, che rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2033 e che segue le linee guida dell’Unione Europea sugli aiuti di Stato, gioca un ruolo fondamentale nel bilanciare la produzione e il consumo di energia, in particolare durante i periodi di alta produzione fotovoltaica ed eolica. Il progetto prevede non solo la costruzione di infrastrutture, ma anche l’adozione di tecnologie avanzate, come lo stoccaggio elettrochimico basato sugli ioni di litio e gli impianti idroelettrici di pompaggio.

In linea con gli obiettivi del Green Deal Europeo e del programma “Fit for 55”, il piano italiano incorpora elementi di innovazione e sostenibilità. Gli sviluppatori di impianti di stoccaggio riceveranno supporto finanziario per coprire sia i costi di investimento che quelli operativi. Una procedura di gara competitiva, trasparente e non discriminatoria, selezionerà i beneficiari garantendo equità e accesso a tutti gli attori del settore.

Nel quadro di questo progetto, verrà creata una nuova “piattaforma di scambio time-shifting” che permetterà la condivisione e l’offerta delle capacità di stoccaggio a terze parti sotto forma di prodotti standardizzati per lo scambio time-shifting. Coloro che beneficiano di questa iniziativa saranno obbligati a rendere disponibili i propri impianti di stoccaggio su questa piattaforma.

Successivamente, l’operatore del sistema di trasmissione assegnerà gli impianti di stoccaggio fisici per realizzare i contratti di scambio time-shifting, massimizzando così l’efficienza degli impianti disponibili.

I prodotti time-shifting, sostanzialmente, permettono di conservare l’energia generata in un momento specifico in uno o più dei depositi selezionati, con l’opportunità di reintroduzione nella rete in un secondo momento. La durata del periodo di conservazione definisce le varie tipologie di prodotti di time-shifting, che possono variare da giornalieri a settimanali, mensili, annuali, o persino estendersi su più anni.

Questa piattaforma consentirà dunque ai fornitori di energia da fonti rinnovabili di sfruttare gli impianti di stoccaggio coinvolti nell’iniziativa per traslocare la loro produzione energetica dai momenti di eccessiva produzione a quelli di bassa disponibilità.

L’importanza del progetto per il futuro

Gilberto_Pichetto_Fratin_foto ministero transizione ecologica
Il ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin (Foto Ministero della Transizione ecologica, CC BY 4.0)

Il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto, ha sottolineato l’importanza di questo progetto per il raggiungimento degli obiettivi di produzione elettrica rinnovabile previsti dal PNIEC. Questa iniziativa rappresenta un passo essenziale verso la decarbonizzazione del sistema energetico italiano e un modello esemplare a livello internazionale per la gestione sostenibile dell’energia.

L’approvazione di questo ambizioso piano segna un punto di svolta per l’Italia e invia un segnale forte al resto dell’Europa e del mondo sull’importanza dell’investimento in tecnologie rinnovabili e sostenibili. Con il suo approccio all’avanguardia, l’Italia si posiziona come un leader nel campo dell’energia rinnovabile, aprendo la strada a una transizione energetica che è non solo necessaria, ma anche tangibilmente attuabile.

Questo sviluppo offre una visione ottimistica per il futuro dell’energia, dove sostenibilità e innovazione vanno di pari passo, con un impatto significativo sulla riduzione delle emissioni di carbonio e sulla creazione di un’economia più verde e resiliente.

 

Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/italia-energia-verde/ 

Articoli correlati