Energia, recuperati 18,2 milioni di euro nel 2021

archivio GdF

Grazie ad una serie di controlli congiunti tra Guardia di Finanza e ARERA

 

Nel 2021, la Guardia di Finanza e ARERA, grazie ad un accordo siglato nel 2003, hanno contestato e recuperato la somma di 18,2 milioni di euro per infrazioni ed evasione delle imprese, rafforzando i controlli documentali insieme con le ispezioni in loco.

Blue flames of natural gas burning from a gas stove on a background of the coins.

Le contestazioni hanno riguardato gli sconti di prezzo a favore delle imprese energivore e il rispetto delle regole a difesa del consumatore da parte dei venditori di energia e gas, anche in vista della fine della tutela.

Poco meno di 2 milioni di euro invece le somme relative al corrispettivo di funzionamento dell’Autorità non versato. Riguardo l’energia elettrica e il gas sono state registrate criticità soprattutto per le bollette (tempistica, reclami), gli obblighi di pubblicazione e correttezza dei siti internet dei venditori e la determinazione del fuel mix (ossia la composizione media delle fonti pulite e fossili utilizzate per la produzione dell’energia elettrica venduta ai clienti).   Riscontri   invece   positivi   nella predisposizione delle schede di confrontabilità da fornire in fase di sottoscrizione del contratto e nella pubblicazione delle offerte sul Portale Offerte ARERA.

Focus anche sulle agevolazioni tariffarie concesse alle imprese energivore e sulla correttezza delle informazioni trasmesse all’Anagrafica operatori.

archivio A&A

Tra i controlli svolti congiuntamente nel 2021 quelli sull’istruttoria Sogin, che si chiuderà il 31 luglio 2022, sul riconoscimento dei costi sostenuti per il Deposito Nazionale nucleare e il Parco Tecnologico e le spese per la definizione e la pubblicazione della Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (CNAPI).

Si fa più serrata anche l’azione per il 2022 già avviata. Attenzione particolare sarà rivolta ai sopralluoghi per controllare i costi dichiarati dalle imprese a fini del riconoscimento tariffario, in particolare la stretta sarà sulla correttezza degli elementi forniti alla CSEA nell’ambito dell’applicazione del meccanismo di reintegrazione dei crediti non recuperabili per il mancato incasso degli oneri generali del sistema elettrico. Gran parte dei nuovi controlli documentali sarà dedicata alla verifica di un campione di imprese di distribuzione/trasporto di gas e di distribuzione di elettricità in materia di separazione contabile e di investimenti dichiarati dalle imprese all’Autorità. E si conferma il presidio di controllo della sicurezza delle forniture sempre garantito, anche durante l’emergenza Covid, ambito in cui continuano a registrarsi alti tassi di inadempimento da parte delle imprese, soprattutto gas.

Sono previste, infine, le prime ispezioni nel settore idrico sui parametri di qualità commerciale dichiarati, con riflessi sulle tariffe e sul riconoscimento di possibili incentivi o penalità.

Articoli correlati