Energia, in arrivo nuovi bandi per le imprese pugliesi

La Regione Puglia sta preparando nuove soluzioni per aiutare la aziende alla transizione energetica, abbattendo così consumi e costi

 

La Regione Puglia sta programmando un pacchetto di misure strategiche per frenare gli effetti del caro energia e sostenere così le aziende pugliesi.

L’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci

«Con il supporto tecnico delle diverse Strutture regionali competenti e di Puglia sviluppo – spiega l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci – abbiamo deciso di attuare adeguate revisioni e integrazioni di strumenti già esistenti finalizzati a favorire la crescita delle nostre imprese. È una strategia, la nostra, che ci consente di intervenire sull’aspetto strutturale e gestionale del tessuto imprenditoriale, attraverso aiuti che riducano le spese di gestione, superando così l’impossibilità di erogare in deroga aiuti diretti per la spesa corrente delle imprese, attraverso i fondi europei e risorse da bilancio autonomo. La Giunta regionale ha approvato una delibera tanto attesa contenente le linee di indirizzo per attuare misure urgenti per il contrasto al caro energia. Si tratta di una serie di interventi volti a finanziare o agevolare, anche intercettando i fondi previsti dal PNRR, la riconversione degli impianti energetici delle aziende e di favorire l’autoproduzione di energia elettrica. Non solo sostenibilità economica, dunque, ma anche ambientale. Gli strumenti diventano più accessibili e in grado di contrastare l’insorgere di potenziali situazioni di emergenza. La Regione Puglia, quindi – prosegue Delli Noci – anche in attuazione delle misure urgenti previste dal Governo nazionale per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale e per l’incremento dell’utilizzo di energie rinnovabili, ha ritenuto necessario emanare, a stretto giro, una serie di avvisi a valere sul POR Puglia 2014-2020 ma traguardando la nuova Carta degli aiuti 21/27. Siamo in un momento storico in cui gli effetti della pandemia, prima, e il grave conflitto bellico russo-ucraino odierno stanno mettendo a dura prova la tenuta di famiglie e imprese. Lavoriamo per sostenere le imprese nella difficile congiuntura, salvaguardare i posti di lavoro ma al tempo stesso consentire trasformazioni strategiche e durature all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità».

A breve, quindi, saranno pubblicati i bandi. Tocca ora alle aziende approfittare di questa nuova opportunità per diventare sostenibili, migliorare la propria efficienza energetica e i costi od ottimizzare i propri sistemi anti inquinamento.

Chi non si adeguerà alla transizione green sarà 9inevitabilmente fuori mercato.

Articoli correlati