Input your search keywords and press Enter.

Energia, il bilancio della provincia di Torino

Tralicci per il trasporto di energia

Il fabbisogno energetico della provincia di Torino è soddisfatto, per il 13%, da energie rinnovabili. Tale incremento si è dimostrato costante nell’arco degli ultimi dieci anni. Un dato positivo, se si pensa che tale quota contribuisce a diminuire la dipendenza del territorio dall’estero e che l’obiettivo assegnato al Piemonte per il 2020 è del 15,1% di energie verdi.

Il bilancio energetico aggiornato dal 2000 al 2013 è stato predisposto utilizzando il Local Energy Balance (LEB), uno strumento open-source per la costruzione e l’analisi di bilanci energetici territoriali sviluppata dal Politecnico di Torino in collaborazione con Enea e Istituto Superiore Mario Boella. Grazie a questa metodologia innovativa, i dati definitivi 2013 sono oggi già disponibili in netto anticipo sui dati gestiti a livello nazionale.

LEB è pensato per le statistiche energetiche a supporto delle azioni contro il cambiamento climatico globale, come richiesto dalla Commissione Europea. Il Torino Osservatorio Energia è parte del network europeo Data4Action: diciotto osservatori locali sull’energia in differenti paesi, stanno mettendo in comune esperienze e buone pratiche per promuovere la diffusione in Europa della statistica energetica per le comunità locali.

Dal punto di vista delle emissioni, la quota di CO2 è diminuita del 28%.  La provincia di Torino è dunque in linea con uno scenario evolutivo al 2020 del -42%.

Il minor inquinamento è dovuto anche ad una minore richiesta di energia, causata dalla crisi economica. A contrarsi maggiormente, sono i consumi di prodotti petroliferi e gas naturale. La produzione complessiva di energia elettrica, simile agli anni passati, è stata pari a 12.500 GWh, ma occorre segnalare che anche nel 2013, come già negli ultimi anni, in provincia di Torino la generazione è stata parecchio superiore (21,5%) rispetto al consumo

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *