Input your search keywords and press Enter.

Energia e clima, Orlando incontra Confindustria

Il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando (foto) ha avviato una serie di incontri istituzionali sul pacchetto energia proposto dalla Commissione europea. Il pacchetto prevede il taglio del 40% delle emissioni di CO2 e di puntare ad una quota del 27% di energie rinnovabili entro il 2030.

Il ministro ha avuto un colloquio bilaterale con il ministro inglese per l’Energia e i cambiamenti climatici Ed Davey. Successivamente, ha incontrato una delegazione di Confindustria guidata dal direttore generale Marcella Panucci, dal vice direttore Massimo Beccarello e dal responsabile politiche industriali Andrea Bianchi.

Al fine di verificare gli impatti e le opportunità per l’industria italiana dell’obiettivo proposto dalla Commissione europea, il ministro e Confindustria avvieranno un approfondimento tecnico, economico e finanziario, sotto il supporto scientifico dell’ENEA (Agenzia per le energie, l’ambiente e lo sviluppo economico sostenibile). Lo studio tecnico cercherà punti di incontro tra sostenibilità ambientale e la vocazione industriale dell’Italia: «senza la trasformazione e l’innovazione della brown economy non ci sarà mai un vero sviluppo della green economy», ha detto il ministro.

Il ministro Orlando ha ribadito la propria volontà di trovare soluzioni che, compatibilmente con il livello di ambizione contenuto nella posizione della Commissione europea, tengano delle esigenze del sistema industriale nazionale. Lo sforzo per il taglio delle emissioni sarà distribuito sull’insieme dei comparti che generano CO2, a differenza di quanto avvenuto in passato.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *