Input your search keywords and press Enter.

Enactus Italia, patto a tre

Coltivare il talento e sostenere progetti in favore della collettività.  Nasce a Trento Enactus Italia Onlus

Valorizzare le idee degli studenti con l’esperienza dei docenti universitari e le risorse delle imprese per migliorare la qualità della vita delle persone e agire in modo concreto per la salvaguardia dell’ambiente è questo l’approccio di Enactus, organizzazione non profit fondata nel 1975 negli Stati Uniti e oggi ufficialmente presente anche in Italia con la nascita a Trento di Enactus Italia Onlus. La costituzione dell’associazione, avvenuta ufficialmente a metà settembre, è il frutto di un percorso condotto dalla Fondazione Caritro in accordo con il network internazionale. L’associazione è finalizzata alla promozione di forme di confronto e cooperazione tra studenti, accademici e operatori ispirandosi agli obiettivi per lo sviluppo sostenibile indicati anche dalle Nazioni Unite per rimuovere e superare le situazioni di disagio sociale delle persone svantaggiate e/o le situazioni di bisogno e difficoltà che le persone incontrano nel corso della vita, proteggere l’ambiente, focalizzandosi sull’integrazione economica e sulle dimensioni sociali ed ambientali dello sviluppo.

enactus_italia_due

L’ingresso ufficiale dell’Italia in Enactus durante il meeting internazionale di Toronto lo scorso settembre

La nascita di Enactus Italia Onlus è stata annunciata a livello mondiale in occasione dell’Enactus World Cup 2016, tenutosi a Toronto (Canada) dal 28 al 30 settembre alla presenza di  studenti, docenti e imprese multinazionali di tutto il mondo. L’Italia entra così ufficialmente in un network che a livello globale coinvolge già ben 36 Paesi, 70 mila studenti, 1740 università e 550 multinazionali e lo fa partendo dal Trentino, territorio sempre più votato all’imprenditorialità. L’organizzazione opera nei diversi Paesi affiliati promuovendo e selezionando le proposte progettuali elaborate da gruppi di studenti, neolaureati, dottorandi o dottori di ricerca sulla base di specifici criteri che riguardano il loro valore sociale e/o ambientale, la fattibilità e la sostenibilità economica. Le imprese che aderiscono al network supportano le progettualità selezionate da Enactus senza interferire nello svolgimento dei progetti, ma anzi sostenendo lo spirito di iniziativa e le doti imprenditoriali dei giovani quali fattori chiave per lo sviluppo del territorio e il ricambio generazionale del mondo imprenditoriale. Un approccio innovativo che stimola la sinergia tra ricerca e imprese, fattore strategico di sviluppo riconosciuto e incentivato da tempo all’estero di cui spesso si lamenta la mancanza in Italia.

Le imprese che hanno già aderito al progetto Enactus in Italia sono: Carlise Brake & Friction, CHEP Italia, Clevertech S.p.A., Randstad Italia S.p.A., Thermo Fisher Scientific; e molte altre hanno dimostrato attenzione verso l’iniziativa. La formalizzazione della nascita di Enactus Italia apre ora interessanti prospettive e l’associazione sarà impegnata nell’implementazione della rete dei soci sul territorio italiano e l’attivazione delle attività volte al supporto della progettualità giovanile.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *