Input your search keywords and press Enter.

Emissioni odorigene: ora c’è una App progettata da Arpa Puglia

Per monitorare le emissioni odorigene, il Comune di Monopoli ha sviluppato un progetto con l’Arpa Puglia. Attraverso una App, si segnalano gli odori molesti

Le emissioni odorigene sono un problema importante per le città. Gli odori, lo smog, i gas di scarico, l’inquinamento possono creare non pochi fastidi ai cittadini che, a causa di queste emissioni, possono anche ricorrere alle cure del medico, gravando ulteriormente sulle spese sanitarie. Per monitorare le emissioni odorigene, il Comune di Monopoli ha realizzato una App insieme all’Arpa Puglia ,che sta già raccogliendo dati molto importanti per la mappatura delle emissioni nel territorio comunale.

Leggi anche: Legge regionale sulle emissione odorifere: la posizione di Legambiente

Emissioni odorigene: SegnalApp-Odori

L’amministrazione comunale ha sviluppato un’innovativa applicazione, scaricabile gratuitamente, per smartphone e tablet che permette, in modo semplice ed efficace, di segnalare eventuali “odori molesti” all’Arpa Puglia in maniera rapida e diretta. Dopo gli immediati accertamenti, l’ente risponde subito agli organi preposti comunali per eventuali e repentine azioni congiunte. Abbiamo così sentito il primo cittadino di Monopoli, Emilio Romani.

Leggi anche: ARPA, La salute prima di tutto

Emissioni odorigene: un’applicazione per monitorare gli odori

Signor sindaco, in che cosa consiste ma soprattutto come è nata questa idea?

emissioni odorigene gas«È nata dall’esigenza di cercare di diffondere quanto più possibile nella comunità uno stato di autocontrollo e di sicurezza – ci spiega Emilio Romani – Essendo Monopoli una realtà artigianale ed industriale, tante volte arrivavano strane segnalazioni di odori, correlati anche alla stagionalità delle realtà produttive. La verifica di queste comunicazioni spesso era un po’ macchinosa in quanto i cittadini avvisavano la Polizia Locale, i vigili chiamavano l’Ufficio Ambiente, e così via. Durante questo lungo giro di telefonate, l’odore o scompariva oppure aveva già prodotto danni. Allora abbiamo chiesto una mano alla tecnologia. Così è nata l’App».

Una App semplice ed efficace

Come funziona?

emissioni odorigene app monopoli«L’applicazione consente a chiunque si trovi in qualsiasi luogo della città di poter segnalare immediatamente e direttamente agli organi preposti odori strani. La segnalazione viene raccolta subito dall’Ufficio Ambiente che la gira all’Arpa per le dovute verifiche. Al termine del monitoraggio e delle opportune analisi presso il proprio laboratorio olfattometrico, l’Arpa comunicherà i risultati per gli eventuali interventi. Grazie al protocollo firmato con l’ente, si evitano lungaggini inutili e deleterie. In questo modo, è possibile avere la mappatura in tempo reale delle emissioni odorigene, il luogo, il periodo, etc.».

La sperimentazione

«Nella prima parte della sperimentazione abbiamo testato l’App – continua Romani – , l’abbiamo depurata dalle segnalazioni più disparate e dai curiosi, mentre nella seconda fase l’applicazione entra a regime. Tutto questo ci servirà a costruire le dinamiche cittadine, ovvero come le attività produttive portano, anche a seconda dei venti prevalenti, dei riverberi sulla città. Inoltre, possiamo capire come Monopoli è esposta a queste emissioni, perché dopo il monitoraggio ambientale devo attuare quello sanitario».

Che vuol dire monitoraggio sanitario?

«Il sistema apre due mappe dinamiche che potranno ragionare tanto dell’ambiente, quanto del profilo sanitario. In questo modo posso anche sovrapporre i due profili e trovare eventualmente dati che possono anche dirci qualcosa. Così, si trasferisce ai cittadini la certezza  della tranquillità, poiché i controlli ci sono e dipendono da tutti».

Avete già fatto un primo bilancio?

«La mappatura dovrebbe essere chiusa tra un paio di mesi. Così avremo il monitoraggio di un anno di segnalazioni. Così, a regime, dopo sei mesi diremo quali sono i primi risultati delle segnalazioni processate dall’Arpa».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *