Emirates riduce l’impatto ambientale

Sheikh Ahmed bin Saeed Al Maktoum
Sheikh Ahmed bin Saeed Al Maktoum

«Emirates e dnata continuano ad investire nella crescita del business in tandem con la domanda dei clienti e le opportunità globali. Man mano che la scala delle nostre attività si espande, siamo sempre più consapevoli della nostra responsabilità nei confronti dell’ambiente e delle comunità che serviamo. Siamo consapevoli che i nostri sforzi per ridurre l’uso delle risorse non solo ridurranno il nostro impatto ambientale, ma aiuteranno anche a costruire la nostra business resiliance».

Così, Sua Altezza Sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman e Chief Executive di Gruppo Emirates, che comprende Emirates Airline e dnata, ha dichiarato in occasione della pubblicazione del “Quinto rapporto annuale sull’ambiente” per il periodo 2014 – 2015 (Il rapporto completo è disponibile qui) .

Le operazioni delle compagnie aeree costituiscono il principale impatto ambientale del Gruppo Emirates. Nel periodo 2014 – 15, Emirates ha aggiunto ventiquattro nuovi aeromobili e ritirato dieci anziani velivoli, mantenendo l’età media della flotta a 75 mesi, circa la metà della media del settore, che è di 140 mesi.

I principali risultati di quest’anno includono miglioramenti dell’efficienza del carburante sia negli aerei della flotta, sia nei veicoli terrestri. Migliorate, inoltre, anche le emissioni sonore dei velivoli, rispettando limiti previsti nel Capitolo 4 – Norme ICAO sul rumore.

Sottoposto a revisione da PricewaterhouseCoopers, il rapporto presenta i dati di performance ambientale di una serie di attività, tra cui le operazioni aeree, le attività di cargo e di assistenza a terra di dnata e una vasta gamma di attività commerciali, dalla progettazione al catering.

dnata, Gruppo Emirates, Dubai, veicoli elettrici per movimentazione a terraettrici
Nel 2014-15 dnata, del Gruppo Emirates, a Dubai ha ricevuto nuovi veicoli elettrici per la movimentazione a terra

«Quando si tratta della nostra gestione ambientale – ha proseguito Sua Altezza Ahmed bin Saeed Al Maktoum -, il Gruppo Emirates ha aree fondamentali, dove crediamo di poter avere l’impatto maggiore, su cui concentrare l’attenzione ma sappiamo anche che ogni piccolo sforzo conta, soprattutto quando è amplificato a livello mondiale. Il nostro rapporto ambientale annuale è una pagella e anche un impegno a migliorare continuamente le nostre prestazioni ambientali».

Per introdurre o convalidare procedure di navigazione basate sulle prestazioni, per contribuire a ridurre il consumo di carburante e migliorare la sicurezza operativa, gli specialisti delle operazioni di volo di Emirates hanno lavorato con le agenzie di Paesi lontani come Stati Uniti, Austria, Francia, Malta, Seychelles, Etiopia, Kenya e Pakistan, così come con il vicino Emirato di Sharjah.

Quanto alla flotta di veicoli di trasporto a terra del Gruppo, in servizio all’aeroporto internazionale di Dubai, dnata a ha preso in consegna trenta nuovi mezzi elettrici per sostituire quelli con motore diesel. Ma già nel 2014, una modifica dei regolamenti del governo degli Emirati Arabi Uniti ha contribuito a far scendere la quantità di inquinanti prodotti dagli automezzi utilizzando gasolio a basso tenore di zolfo.

Articoli correlati