Home Ambiente Emergenza incendi: sistema di monitoraggio sull’appennino Emiliano

Emergenza incendi: sistema di monitoraggio sull’appennino Emiliano

330
0
SHARE
emergenza incendi

Un innovativo sistema di monitoraggio può individuare un focolaio a quattro chilometri di distanza. Il dispositivo testato sull’Appennino Emiliano-Romagnolo può essere un valido aiuto contro l’ emergenza incendi

E’ ancora emergenza incendi in Sardegna, dove buona parte del patrimonio boschivo è nella morsa del fuoco. Gravissimi i danni per aree come quella tra Arbus e Gonnosfanadiga, dove sono andati in fumo oltre 1000 ettari di territorio di importanza capitale per il suo patrimonio di biodiversità.

Un aiuto per prevenire gli incendi estivi potrebbe venire da una sperimentazione in corso sull’appennino Emiliano-Romagnolo, dove si stanno mettendo a frutto reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale. Infatti la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, lancia un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara.

LEGGI ANCHE: Incendi: da FAI e CAI un appello al Ministro Galletti

Il sistema realizzato nel parco scientifico Tecnologico di Trieste AREA Science Park da Elimos

emergenza incendi
Una delle stazioni di monitoraggio

Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da una termocamera all’infrarosso – in grado di rilevare con estrema precisione temperature anche superiori a 500 °C – accoppiata a una telecamera con un potente zoom; il tutto è montato su un sistema capace di operare una scansione del territorio a lunga distanza. Test sul campo hanno mostrato che la soluzione è in grado di rilevare principi di incendio di dimensioni molto ridotte, con un fronte di soli due metri, in un raggio di quattro chilometri, coprendo potenzialmente un’area di 5mila ettari. L’equivalente, per avere un’idea, di due terzi dell’estensione del Parco Nazionale del Vesuvio, recentemente devastato dal fuoco.

Sistema EFLAME contro l’ emergenza incendi

Il sistema EFLAME, sviluppato nel parco scientifico tecnologico di Trieste AREA Science Park da Elimos, può essere telecontrollato attraverso reti cablate o wireless (WiFi, 3G/GPRS). La gestione avviene da un centro di supervisione dove si trovano gli apparati di monitoraggio in tempo reale; qui arriva la segnalazione automatica degli allarmi che permette così di attivare tempestivamente i soccorsi.

emergenza incendi mappa appennino emiliano
I siti sull’appennino Emiliano individuati per il progetto di monitoraggio antiincendi EFLAME

Dopo una prima fase di sviluppo e test in laboratorio, nei giorni scorsi ha preso il via la sperimentazione operativa su due stazioni sull’appennino tra Modena e Ferrara. Destinatari principali dei nuovi sistemi di monitoraggio per combattere l’ emergenza incendi sono la Protezione Civile e gli altri soggetti che hanno competenze sulla salvaguardia del territorio.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY