Emergenza gelo, AQP: occhio ai contatori

Prosegue l’impegno di Acquedotto Pugliese per fronteggiare l’emergenza gelo nel territorio servito. Sostituiti i contatori rotti

Le davvero difficili condizioni meteo di questi ultimi giorni hanno messo a dura prova il sistema idrico potabile. In particolare, il congelamento dell’acqua nei tubi e la rottura dei contatori, dovuti al clima eccezionalmente rigido, hanno causato notevoli dispersioni di risorsa idrica. Con il progressivo innalzamento delle temperature, nelle ultime ore, l’acqua infatti è tornata a fluire nelle condutture danneggiate dal ghiaccio, riversandosi, in corrispondenza dei tratti lesionati, all’esterno delle stesse.

contatori acqua
AQP invita,a verificare le condizioni dei contatori di seconde abitazioni o immobili disabitati

Nel giro degli ultimi sei giorni, agli uffici dell’Acquedotto Pugliese sono giunte richieste di intervento sulla rete idrica da parte di utenti in numero equivalente a quelle pervenute complessivamente nel corso dell’ultimo trimestre. In base alle stesse segnalazioni, l’azienda idrica ha provveduto a sostituire oltre il 70% dei contatori sui circa 7000 segnalati sinora come rotti dal gelo.

Acquedotto Pugliese raccomanda ai cittadini di contattare esclusivamente il personale di Aqp, per le rotture dei contatori per gelo e per tutti gli altri guasti il numero verde 800735735, o, solo per i contatori rotti per gelo, attraverso l’indirizzo mail emergenzagelo@aqp.it, evitando interventi di privati cittadini, a meno che non si tratti di operazioni svolte oltre il punto di consegna del servizio, ovvero il contatore. Per tutti gli interventi messi in atto da Acquedotto Pugliese, nessuna somma di denaro dovrà essere corrisposta.

L’azienda idrica pugliese invita, inoltre, gli utenti a verificare le condizioni dei contatori, relativamente a seconde abitazioni o a immobili disabitati. È reale, infatti, il rischio che anche i misuratori in dotazione presso questi immobili possano essere danneggiati, con la conseguenza di ulteriore dispersione della risorsa idrica.

Per quanto attiene alle situazioni più delicate, AQP ha provveduto ad integrare il fabbisogno di acqua potabile con l’invio di autobotti e sacche d’acqua da 5 litri. È il caso di alcuni comuni del subapennino dauno, particolarmente colpiti dalle intemperie del tempo, come Monte Sant’Angelo, Rignano Garganico, Orsara e Borgo Celano, nel comune di San Marco in Lamis (in provincia di Foggia) ma anche di Santeramo (Ba) e Ginosa (Ta).

In queste ore di grave emergenza, Acquedotto Pugliese raccomanda di effettuare un uso razionale dei prelievi d’acqua, evitando gli usi non prioritari.

L’uso responsabile della risorsa rappresenta, infatti, una variabile fondamentale per evitare ulteriori disagi.

 

 

 

Articoli correlati