Emergenza coronavirus, a Bari niente grattino per la sosta sulle strisce blu

Il pagamento della sosta su strisce blu valido da venerdì 20 marzo in tutta la città. Decaro: “rendiamo disponibile la sosta gratuita per i lavoratori che non possono fermarsi. Non sia questo incentivo allo spostamento”. Proroga per i contrassegni dei diversamente abili

Da venerdì 20 marzo a Bari non si pagherà per la sosta sulle strisce blu. L’amministrazione Comunale ha infatti dato mandato all’Amtab spa, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico urbano, di sospendere il servizio di controllo e gestione della sosta a pagamento Il provvedimento ha durata fino a fino a data da destinarsi, ma non ha valore nei parcheggi chiusi e nei Park&ride.

strisce blu grattino
(foto archivio Ambient&Ambienti)

«In queste ore stiamo facendo tutto quello che è in nostro potere per agevolare i cittadini che stanno lavorando e che non possono fermarsi – spiega il sindaco Antonio Decaro – sospendendo il pagamento della sosta in tutte le aree delimitate dalle strisce blu. Contemporaneamente stiamo lavorando con l’azienda e con le organizzazioni sindacali per avviare i procedimenti di solidarietà dei lavoratori adibiti al servizio della sosta. Questo provvedimento spero possa essere utile per dare una possibilità in più a tutti quei cittadini che sono costretti a spostarsi anche in queste giornate perché devono recarsi sul luogo di lavoro e impossibilitati a fermarsi. In questo modo i lavoratori potranno avvicinarsi al proprio luogo di lavoro con il mezzo privato. Resta comunque valida  la raccomandazione di farlo in maniera individuale. Cosi facendo potremo ridurre ancora i percorsi dei mezzi pubblici e l’impiego degli autisti, tra i più esposti al contatto al pubblico. Vorrei ribadire a tutti che questo non deve essere inteso come un incentivo a spostarsi, non è certo un modo per venire in centro a fare una passeggiata lasciando l’auto in sosta gratuita. Faccio ancora una volta un appello a tutti a limitare al minimo gli spostamenti, che sono autorizzati solo per esigenze indifferibili».

E restando in tema di soste, pausa anche per i contrassegni per la sosta dei diversamente abili in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020: i contrassegni conservano la loro validità fino al prossimo 15 giugno.

Articoli correlati