Ekostè, startup al femminile per gli agrocosmetici ‘made in Puglia’

Il team di Ekostè

Il concetto va molto oltre il semplice acronimo: EKO come ecosostenibile (green, benessere, cura), KOS da cosmetica (settore benessere-bellezza) e TE per la terra (ruralità, territorio). In una sola parola: Ekostè, come il brand di cosmetici creati con i prodotti agricoli della nostra Puglia

A firmare il progetto sono tre giovani donne: le sorelle Laura e Monica Dimauro, con Anna Gualano. Il loro obiettivo è tanto semplice quanto ambizioso: creare un brand di cosmetici con prodotti agricoli 100% naturali e made in Puglia, unendo e miscelando la bellezza e la bontà della regione con i benefici dei suoi prodotti.

Immagini dei prodotti Ekostè

È proprio in casa Dimauro che nasce la voglia di valorizzare il proprio territorio, ispirate dalla passione per il benessere naturale e la condivisione dei principi della filosofia dei cosmetici green.

Il “motore” è Laura, naturopata e aroma-terapeuta, operatrice tecnica del benessere olistico e appassionata di erbe spontanee e officinali.

“I prodotti agricoli pugliesi, come agrumi, uva, olio, grano, sono qualitativamente ottimi e altamente nutritivi. Sicuramente possono esserlo anche se li utilizzeremo nelle nostre creme, perché devono poter nutrire anche la nostra pelle”. Una convinzione, ripetuta quotidianamente alla sorella Monica, tra scampionature di scrub e lozioni fai da te, tra una posizione di yoga e un libro sulle erbe officinali.

A loro si aggiunge Anna, che adora creare video e storie ed è una appassionata dei canali social. Il team è completo e il mix ideale.

L’idea

Agrumi a km0 per Ekostè

Nasce così Ekostè, un brand di agrocosmetici che racconta come un prodotto della Terra possa essere una miniera di benessere per il corpo e l’anima: creme nutritive e altamente qualitative con valore aggiunto di acido ialuronico, olio d’argan e profumazioni sensazionali in grado di suscitare l’idea vera delle zagare in fiore per la prima linea dedicata al Gargano).

La prima linea alla quale si sono dedicate è formulata con gli agrumi di Puglia, in particolar quelli biologici del Gargano, il promontorio italiano a nord della Puglia, in cui spicca la cultivar arancia Duretta e la cultivar limone Femminello, la più antica d’Italia. “Questi agrumi IGP – spiegano – sono caratterizzati da una stagionalità annuale, hanno profumazioni intense e sono molto succosi”.

La bontà dei prodotti

Selezionano e scelgono le materie prime in base alle loro proprietà nutritive e alla loro stagionalità.

I prodotti Ekostè

“Curiamo con attenzione la selezione dei produttori delle materie prime dei nostri cosmetici– evidenziano – per garantire la qualità e la sicurezza nei nostri cosmetici (devono essere prodotti agricoli certificati bio) e la trasparenza della filiera dei prodotti agricoli che utilizziamo nelle nostre creme e nel processo di produzione”. Il tutto per giungere al risultato di un agrocosmetico bio e vegano e nel rispetto della sostenibilità ambientale, con una filiera controllata pugliese, senza parabeni e siliconi né  test sugli animali.

Il rispetto della natura

Anche il packaging è stato scelto per preservare al meglio le caratteristiche naturali. “Un buon prodotto deve avere un involucro solido così da non essere contaminato da luce, aria e prodotti chimici circostanti, pertanto abbiamo optato per il PET, la plastica più riciclabile che ci sia. Rispettiamo la natura perché è proprio da lì che provengono le materie prime di tutti i nostri agrocosmetici”.

E non manca la collaborazione con gli enti per questa nuova realtà imprenditoriale femminile. Vincitrice del Bando PIN-Pugliesi Innovativi, la startup offre trasparenza e qualità, valorizzando il territorio e l’agricoltura da un nuovo punto di vista anche grazie alla partnership con Confagricoltura e Parco del Gargano,

Articoli correlati