Educazione ambientale nelle scuole, le iniziative “promosse”

L’educazione ambientale nelle scuole cresce con tante esperienze. Dalle serre ai concorsi poetici, si parla di qualità dell’aria e di formazione dei docenti

L’educazione ambientale nelle scuole cresce con iniziative realizzate dalle associazioni ambientaliste. La rassegna del magazine Ambient&Ambienti continua.

Leggi anche “Educazione ambientale nelle scuole, si “aprono le porte.

Educazione ambientale nelle scuole, si parte con l’“Ambarabà ricicloclò”.

L’educazione ambientale nelle scuole si può fare usando le parole in rima con ironia e senso dell’umorismo per spiegare l’importanza della raccolta e del riciclo degli imballaggi in acciaio ai bambini. Si chiama “Ambarabà Ricicloclò” il progetto promosso dal Consorzio nazionale Riciclo e Recupero Imballaggi Acciaio (RICREA) e realizzato da Andersen, il mensile italiano d’informazione sui libri per ragazzi e la cultura dell’infanzia. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Bari, si rivolge agli alunni delle scuole primarie della provincia di Bari. L’intento è stimolare e sensibilizzare la creatività dei bambini sull’importanza di separare gli imballaggi in acciaio in maniera corretta per essere riciclati. I bambini, quindi, sono chiamati a realizzare un breve componimento di cinque versi in rima dal contenuto umoristico. I lavori devono essere consegnati entro il 9 marzo. «Vogliamo unire l’amore per la letteratura e l’attenzione verso l’ambiente con una formula divertente e creativa adatta ai più piccoli», spiega Barbara Schiaffino, direttore della rivista Andersen.

Educazione ambientale nelle scuole, realizzata una serra scolastica nell’Istituto “Gorjux-Tridente-Vivante” di Bari.

Un’altra maniera di fare educazione ambientale nelle scuole è l’esperienza delle serra scolastica. Un esempio è quella realizzata dall’Istituto “Gorjux-Tridente” di Bari nell’ambito del Progetto POF “Cardoncelleria Gorjux”. Il progetto nasce con l’obiettivo di offrire agli alunni con disabilità e ai loro compagni l’occasione di muovere significativi passi verso lo sviluppo delle autonomie, l’acquisizione ed il consolidamento di abilità sociali. In particolare, è stata realizzata una fungaia in collaborazione con la cooperativa sociale “Semi di vita”. L’eccezionalità del progetto risiede nella valorizzazione di un bene pubblico attraverso lo sviluppo di buone prassi utilizzando lo strumento dell’agricoltura sociale.

Educazione ambientale: si può “andare a spasso” tra musei, parchi e Planetario.

Si può anche fare esperienza di educazione ambientale con visite tra musei, parchi e Planetario. Le attività sui temi ambientali sono indicate su un calendario pensato per gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado di Bari. L’offerta è proposta dal Centro di Esperienza di Educazione Ambientale “Villa Framarino” (C.E.E.A) con un focus anche sul Carnevale 2019. E’ possibile, quindi, scegliere la propria esperienza: la visita guidata al Parco di Lama Balice con un’escursione per sperimentare tutti i sensi e scoprire la bio-geodiversità (la flora, la fauna e la geologia); la visita guidata al Museo dei Dinosauri con il percorso che si snoda attraverso le 7 sale, dedicate alla valorizzazione delle orme di dinosauri ritrovate nel Parco; i laboratori, ciascun dei quali, a scelta tra quelli proposti, si svolgerà in spazi attrezzati e coinvolgerà gli studenti in appassionanti esperimenti ed osservazioni che sveleranno in maniera spettacolare i fenomeni naturali del Parco; la visita al Planetario, all’interno del quale è possibile assistere alla ricostruzione della storia del nostro Pianeta.

Educazione ambientale nelle scuole, è il momento dell’“1,2,3… RESPIRA!”.

L’educazione ambientale nelle scuole si può anche fare con “1,2,3… RESPIRA!”, il progetto di Liquigas per le scuole sulla qualità dell’aria. L’iniziativa prevede che gli studenti delle classi terze classi della scuola secondaria di primo grado seguano un percorso di approfondimento inserito nell’insegnamento delle materie di scienza e tecnologia. Il programma interattivo e tecnologico sarà affiancato da materiali didattici forniti dall’azienda. Il percorso si concluderà con un concorso d’idee. I piccoli progetti saranno valutati da una giuria di qualità. Saranno 25 mila i ragazzi coinvolti di 300 istituti di Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Emilia-Romagna, Liguria, Veneto e Trentino-Alto Adige.

Educazione ambientale nelle scuole, è stato siglato un accordo tra USR del Lazio e Wwf Italia.

La firma dell’accordo tra il direttore dell’USR, Gildo De Angelis, e il direttore del WWF Italia, Gaetano Benedetto.

La rassegna delle iniziative sull’educazione ambientale nelle scuole, a questo punto, si conclude con l’accordo siglato dall’Ufficio scolastico regionale del Lazio e dal WWF Italia. L’intesa prevede la realizzazione di attività di conoscenza della biodiversità urbana da parte delle scuole del Lazio. Il verde scolastico, in tal senso, è una parte importante del sistema del verde urbano. Solo la somma delle superfici dei giardini scolastici delle scuole di Roma, per esempio, raggiunge il totale di 80,8 ettari. «Le aree verdi delle scuole nel contesto urbano possono diventare i luoghi dove gli studenti possono imparare a curare un bene naturale comune. Si tratta di un’esperienza concreta per creare un nuovo atteggiamento nei confronti della natura e delle specie viventi», ha detto Gaetano Benedetto, direttore generale di WWF Italia. Secondo Gildo De Angelis, direttore generale dell’USR Lazio «gli istituti del Lazio sono già eccellenza per le buone pratiche di educazione ambientale e sostenibilità. Ci sono esempi che dimostrano la capacità di progettare, fare rete con le istituzioni, il mondo della ricerca e le associazioni per la cura del bene comune». Le oltre 4 mila scuole, quindi, possono continuare a dimostrare il loro impegno ambientale con la partecipazione al contest “L’impegno delle scuole per la natura delle nostre città”. Un aspetto importante nell’educazione ambientale nelle scuole è anche la formazione dei docenti. Il primo seminario di formazione per insegnanti partirà il 13 febbraio nella sede WWF di Roma, a cui seguiranno gli altri incontri in tutta Italia.

Articoli correlati