Ecoweekend in Puglia, è arrivata l’estate

Appuntamenti enogastronomici, a pieno contatto con la natura e culturali: questo offre il weekend del solstizio d’estate

Per segnalare iniziative per i prossimi Ecoweekend è possibile contattare la redazione di Ambient&Ambienti, inviando materiale a redazione@ambienteambienti.it o all’indirizzo di posta elettronica fulviodigiuseppe@gmail.com

 

L’anello della Sentinella 10

Giunge alla decima edizione l’evento proposto dall’associazione Murgia Enjoy che ha permesso a centinaia di partecipanti di conoscere un’area panoramica di grande valore naturalistico poco distante da Quasano. L’origine del nome “Quasano”, unica frazione di Toritto e località che conta circa trecento abitanti, sembra sia da attribuire all’affermazione “Qua si sana” di una duchessa di Toritto perché, ammalatasi di una malattia respiratoria, le fu consigliato di respirare aria pura. La nobildonna si recò in un suo podere chiamato “Conca D’ora” ove dopo un po’ di tempo guarì. Il borgo, facilmente raggiungibile dai vicini paesi, è situato nel mezzo dell’altopiano delle Murge ed è meta di escursionisti e turisti, anche grazie all’unicità dell’ambiente circostante e la possibilità di raccogliere alcune piante selvatiche aromatiche e medicinali.
Il percorso dell’attività escursionistico-culturale, come sempre, sarà adeguato alle capacità dei partecipanti lasciando la possibilità a tutti di prendere parte all’evento.
L’incontro dei partecipanti, ai quali sarà distribuito gratuitamente materiale informativo del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e vari gadgets è previsto sul piazzale del Convento di Cassano alle ore 18:30 e presso il parcheggio all’ingresso di Quasano alle ore 19:00 di sabato 22 giugno 2024.
Al termine dell’attività, previsto per le 22:30 circa, i partecipanti potranno recuperare le energie consumate usufruendo dei servizi delle attività convenzionate.
Al fine di limitare eventuali danni all’ambiente, di garantire il corretto distanziamento e per fornire giusta assistenza e guida ai partecipanti, il numero di questi ultimi sarà limitato. Per la partecipazione consigliate scarpe da trekking o da ginnastica, pantaloni lunghi, scorta d’acqua, abbigliamento comodo ed è indispensabile la prenotazione con messaggio WhatsApp al numero 328/3130450.
Ulteriori informazioni su www.murgiaenjoy.it

Forum Wine Festival a San Pancrazio Salentino

 Da venerdì 21 a domenica 23 giugno 2024 è in programma la seconda edizione del Forum Wine Festival, grande rassegna dedicata al mondo dell’enologia pugliese, organizzata dall’associazione Terra Madre Salento che, dopo il successo del 2023, torna con il sostegno di Regione Puglia, Provincia di Brindisi e Comune di San Pancrazio Salentino, e in collaborazione con i Consorzi di Tutela: DOC Salice, Primitivo di Manduria, DOC di Brindisi.

L’appuntamento è al Forum Eventi di San Pancrazio Salentino, uno dei più estesi e attrezzati contenitori di grandi eventi di Puglia, che si sviluppa su un’area di oltre 50mila metri quadri.

Nel cuore del Salento, tra le province di Brindisi, Lecce e Taranto, nella terra di Negroamaro e Malvasia, Primitivo e Susumaniello, iI Forum Wine Festival è un appuntamento dedicato ai wine lovers, ai più esperti e ai semplici appassionati che vogliono avvicinarsi al mondo dell’enologia. Un appuntamento che, in concomitanza del solstizio d’estate, apre ufficialmente le danze per la bella stagione. La rassegna celebra il mondo del vino in tutti gli aspetti, un settore in costante crescita, come hanno evidenziato i recenti grandi appuntamenti delle fiere di settore, nazionali e internazionali, con i relativi premi ai vini pugliesi e salentini.

Tre giorni ricchi di eventi, emozioni sensoriali, musica e tantissime degustazioni delle cantine (una cinquantina, compresa una selezione di cantine internazionali), che hanno aderito alla manifestazione, con una speciale sezione dedicata ad alcune tra le migliori espressioni dell’olio EVO Salentino.  Per tre serate si passeggia, calice in mano, alla scoperta dei migliori prodotti delle aziende partecipanti, e una ricca offerta gastronomica, con vari “percorsi food”

Da non perdere gli show cooking di The King of mortadella insieme allo chef del Forum Feste ed Eventi, sabato 22 e domenica 23, con possibilità di prenotare in anticipo il piatto della serata (prenotazione obbligatoria: 329/7864340, 339/8058066).
E poi le due masterclass, dedicate a Negroamaro e Primitivo tenute da Carmine Galasso, miglior sommelier di Ais Puglia 2023, rinomato consulente e comunicatore del vino.

Sabato 22 giugno, alle ore 21 “Sfumature di Negroamaro, tra passato e futuro”;

Domenica 23 giugno, ore 21, “Primitivo: territorio e tradizioni”

(Costo: 25 euro per masterclass, info e prenotazioni: 329/7864340, 339/8058066).

Altrettanto ricca l’offerta sul palco, con un variegato mix di musica, allegria e divertimento. QUI il programma 

Ingresso libero. Info e prenotazioni calici: 329/7864340, 339/8058066.

Il Solstizio d’estate nella Cattedrale di Otranto

 Il 21 giugno si rinnoverà il suggestivo appuntamento con l’Albero della Vita di Otranto. Nel giorno del solstizio d’estate, la Cattedrale e il suo meraviglioso mosaico invitano allo stupore per il singolare fenomeno dell’allineamento dei raggi del sole sul maestoso tronco dell’albero.

L’Albero della vita, il mosaico del 1165 nella cattedrale di Otranto

Un appuntamento che si ripete dal lontano 1165, anno in cui il presbitero Pantalone completò, con l’ultima tessera lapidea, un pavimento musivo di circa 600 mq. Così, nel giorno più lungo dell’anno, il tessellatum e la Basilica celebrano insieme la fusione di natura e arte, bellezza e promessa d’eternità, luce e pietra, cielo e terra, per narrare l’universale storia della salvezza in un ideale percorso di iniziazione cristiana.

L’evento, giunto quest’anno alla terza edizione, rientra nelle attività di valorizzazione e fruizione del ricco patrimonio religioso di cui la Chiesa di Otranto è custode. Anche la presentazione dell’importante progetto di multimedialità La Pietra di Otranto si inserisce tra gli interventi che l’Ufficio diocesano per l’Arte sacra e i Beni culturali ha realizzato in questi ultimi anni.

La Pietra di Otranto è l’ambiziosa iniziativa che, insieme alla digitalizzazione completa del mosaico, restituisce alla fruibilità (grazie alle immagini sferiche a 360°) anche l’interno della Basilica, il museo diocesano, la chiesa di S. Pietro, il complesso ipogeo, i frammenti dell’antico mosaico paleocristiano di cui si propone anche un’interessante ipotesi ricostruttiva.

Il programma
Dopo gli interventi  della dott.ssa Candida Stefanelli, dell’ Arch. Ada Toni e Dott. Marco Stucchi e del vescovo di Otranto Mons. Francesco Neri, ci sarà un intermezzo musicale  a cura del Coro diocesano con le Coreografie della Scuola di danza “Tutti in scena” di Otranto

A conclusione, presentazione del video La Pietra di Otranto di Elena Bastianni. A seguire, visita gratuita del rinnovato Museo Diocesano fino alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle 19.00, percorso guidato per gruppi contingentati a venti persone.

Articoli correlati