Ecosistema Urbano 2019: città sostenibili tra luci e ombre. E la Puglia non brilla

Capoluoghi pugliesi ancora in coda nella classifica nazionale, anche se i dati migliorano e arrivano i premi per le buone pratiche.

Puglia in ritardo rispetto al resto d’Italia, che racimola posizioni nella parte bassa della classifica sulla sostenibilità dei capoluoghi italiani. Puglia, insomma in controtendenza rispetto al quadro generale che esce dal Rapporto Ecosistema urbano 2019 a cura di Legambiente, Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore sulle performance ambientali dei capoluoghi di provincia  e che nasce dall’analisi di oltre 30mila dati, sulla base di 18 indicatori.

Ne esce a prima vista l’immagine di un’Italia dinamica, attenta alle nuove scelte urbanistiche, ai servizi di mobilità e alla gestione del ciclo dei rifiuti, con particolare attenzione alla depurazione e al contenimento dei consumi idrici. La ricerca presentata lunedì 28 ottobre a Mantova presenta tra gli esempi virtuosi Trento, Mantova, Bolzano, Pordenone e Parma.

Ma il rapporto di Legambiente ha mostrato anche un’Italia che si muove in maniera disomogenea e che richiede da parte della Amministrazioni locali azioni e politiche attive che affrontino con la giusta determinazione le sfide ambientali in ambito locale e glocale.

Ecosistema Urbano 2019: Puglia, la sostenibilità è ancora un miraggio?

Servizio taxi
Bari è fanalino di coda della Puglia, anche se sono positivi i dati riguardanti la concentrazione media di Biossido di Azoto

La Puglia fa parte di questa parte disomogenea del Paese, in ritardo rispetto al resto dell’Italia. Nella classifica generale di Ecosistema Urbano, infatti, è Lecce la migliore delle pugliesi collocandosi al 66° posto; seguono Brindisi al 78°, Taranto all’80°, Foggia al 86° posto e Bari all’87°. I dati delle città capoluogo della provincia di Bat non sono stati presi in considerazione perché incompleti e in alcuni casi non pervenuti.

«Rispetto all’anno precedente – dichiara Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – le performance ambientali delle città capoluogo pugliesi restano stabili. Va sottolineata tuttavia una maggiore attenzione da parte delle Amministrazioni Comunali nel fornire dati più completi, un segno che valutiamo positivamente perché può costituire la premessa per un effettivo miglioramento dell’ecosistema urbano. È nelle città che si gioca la sfida cruciale dei cambiamenti climatici, dove si produce oltre la metà delle emissioni di gas serra. Occorre sollecitare le città a correggere in chiave ecologica l’edilizia e i rifiuti, i trasporti e l’industria, creando occupazione, green e circular economy, stimolando la domanda di prodotti eco-compatibili, di consumi sostenibili, lo sviluppo di filiere agroalimentari di qualità e a basso impatto ambientale. È importante per questo replicare le esperienze virtuose, ben sintetizzate in Ecosistema Urbano 2019, capaci di coinvolgere i cittadini con scelte coraggiose, idee di sviluppo e di evoluzione urbana».

Lecce, ok la raccolta differenziata, Bari ko

A Lecce, la migliore delle città pugliesi, spicca un aumento considerevole della raccolta differenziata che passa dal 58,2% all’attuale 64,2%, superando di gran lungo la media nazionale del 54,3% e raggiungendo quasi l’obiettivo di legge, fissato nel 2012 del 65%. A questo, però, fa da contraltare un aumento del 2,7% dei rifiuti pro capite, passando da 499 a 513 kg/abitante, dato che va a incidere sull’opera di raccolta e smaltimento dei Comuni. La situazione di Brindisi, invece, resta sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente. Tutti gli indicatori a disposizione, restituiscono dati corrispondenti alla rilevazione del 2017.

Taranto è tra le città pugliesi che più ha accelerato nella qualità dell’aria (Biossido di Azoto e Ozono) con un calo della concentrazione media di No2 da 27 a 10 ug/mc e soli 13 giorni di superamento della media di Ozono da 28 a 13 giorni.  Meno positivi sono i dati di Pm10 nell’aria ottenuti con una produzione dello stabilimento siderurgico ex Ilva fortemente ridotta, di gran lunga inferiore a 5 milioni di tonnellate (con un dato del Pm10 che va comunque letto alla luce della maggiore patogenicità delle polveri di origine industriale), a fronte dei 6 contemplati dal piano industriale originario di Arcelor Mittal.

A Foggia, sebbene migliori la qualità dell’aria con una concentrazione media di No2 che passa da 23 a 22 mg/mc e una concentrazione media di Pm10 che cala del 4,5%, cala però la raccolta differenziata del 7,8% (passando dal 26,6% al 24,5%) e aumenta drasticamente la dispersione idrica dovuta al cattivo funzionamento della rete, agli eventuali sversamenti e sfori nei serbatoi, alla mancata fatturazione e non contabilizzazione come gratuita, ai furti e ai prelievi abusivi.

Bari è fanalino di coda della Puglia, anche se sono positivi i dati riguardanti la concentrazione media di Biossido di Azoto (No2) (da 31,5 ug/mc a 29,8) e l’aumento della raccolta differenziata del 17,7% (dal 36,7% al 43,1%). Aumenta di poco la concentrazione media di Pm10 (si passa dal 23,75% al 24,3%).

LEGGI ANCHE: Verde pubblico: esiste un piano per il verde a Bari?

Tutte le città, ad eccezione di Lecce, hanno avuto un peggioramento nell’uso efficiente del suolo. Il dato è composto dagli indici di consumo di suolo pro capite e la land use efficiency che valuta i cambiamenti in rapporto ai residenti.

Buone pratiche, premiate Bari e  Brindisi

Al termine della presentazione del rapporto, sono state premiate le Buone Pratiche di Ecosistema Urbano 2019. Tra le 31 esperienze selezionate in tutta Italia, si evidenziano per la Puglia quella di Bari con MUVT, la neonata app per la mobilità del Comune di Bari per pagare con lo smartphone l’autobus, le strisce blu e i sistemi di sharing e Brindisi con Il progetto di riqualificazione del lungomare Regina Margherita.

Bari: MUVT, lo smartphone si trasforma in biglietto

In poche settimane oltre 5mila utenti si sono registrati a MUVT, la neonata app per la mobilità del Comune di Bari per pagare con lo smartphone l’autobus, le strisce blu e i sistemi di sharing. MUVT (ovvero mobilità urbana veloce e tecnologica) è un sistema finanziato dal Ministero dell’Ambiente che – non appena l’utente ha acquistato il ticket del bus o ha saldato la tariffa della sosta – consente agli operatori il telecontrollo dell’avvenuta transazione tramite QR code o la digitazione della targa dell’auto. La piattaforma MUVT, in prospettiva, permette la gestione di tutti i piani di spostamento casa-scuola e casa-lavoro del territorio e al contempo di tracciare gli stili di mobilità di chi usa l’app permettendogli di accedere ai meccanismi di premialità previsti dall’amministrazione per chi rinuncia all’auto privata. I passeggeri che non hanno l’app potranno continuare a usare il servizio sms, addebitando il costo dei biglietti sul credito telefonico.

Brindisi. Via le auto, si rivede il mare

Quella che sembrava essere un’area marginale torna a essere centro storico con affaccio sul mare, da dove gli antichi romani salpavano verso l’oriente. Il progetto di riqualificazione di lungomare Regina Margherita, avviato dal Comune di Brindisi nel 2011 e completato nel 2013, ha portato al rifacimento dei sottoservizi e dell’intera pavimentazione stradale, togliendo posto alle auto e restituendolo alla vivibilità dei brindisini. Il progetto, costato 4 milioni e 798 milioni di euro per una superficie di 13 mila metri quadrati, ha infatti restituito al contesto urbano un vero e proprio quartiere creando le premesse per una vitalità sociale ed economica rinnovata, senza auto e a dimensione d’uomo. Nel corso delle attività previste nel progetto di riqualificazione del Lungomare Regina Margherita sono per altro venuti alla luce reperti e tracce di antiche strutture, riferibili ad un ampio arco cronologico, dall’età romana al Basso Medioevo.

 

Articoli correlati