Economia circolare, ecco la seconda vita degli assorbenti

Foto di Cliff Booth da Pexels

La Contarina Spa con la tecnologia FaterSmart recupera la plastica, la cellulosa e il polimero super assorbente, per ricavare scatole alimentari e pallet

Per la prima volta, dalla plastica proveniente dall’attività di riciclo dei PAP, i Prodotti Assorbenti per la Persona usati, sarà possibile ottenere prodotti di vario genere realizzati con il processo di stampaggio ad iniezione. Un percorso che diventa realtà grazie agli accordi firmati da Contarina Spa, realtà all’avanguardia a livello nazionale ed europeo nella gestione dei rifiuti, assieme a Eurodisplay Design in ProgressDEMPLA e B&B Innovation (BBI).

Eurodisplay è leader nella progettazione e produzione di materiali espositivi POP per il marketing delle multinazionali FMCG a partire da materia prima 100% riciclata. Grazie a questo accordo, dalla plastica proveniente dal riciclo dei PAP si otterranno pallet e altre componenti per le strutture espositive.

DEMPLA da oltre cinquant’anni è una realtà aziendale specializzata nello stampaggio di articoli casalinghi in plastica. Produce una gamma vastissima di prodotti per la cucina, lo storage e la pulizia ponendo forte attenzione ai materiali usati e al ciclo produttivo. La collaborazione con FaterSmart ha portato Dempla alla produzione di scatole con coperchio realizzate con plastica derivante dal riciclo dei PAP.

B&BI, leader innovativo con comprovata esperienza nella formulazione di materiali plastici ed elastomerici in soluzioni performanti ad alto valore aggiunto per mercati ed applicazioni diverse, da soluzioni di packaging, a prodotti per la casa, a componenti per la calzatura, il design di mobili, all’automotive. L’accordo permetterà di produrre intermedi e compound termoplastici e termo-set a contenuto massimo in materiale di riciclo proveniente dal riciclo dei prodotti assorbenti per la persona usati.

Foto di Mahesh Patel da Pixabay

Da 1 tonnellata di rifiuti raccolti in maniera differenziata è possibile ricavare fino a 80kg di plastica, 160kg di cellulosa e 80kg di polimero super assorbente, da impiegare nei principali processi di lavorazione per dar vita a nuovi prodotti, come grucce, giocattoli o tavoli di plastica, carte di elevata qualità, prodotti tessili, fertilizzanti.

Il processo di riciclo prevede quattro fasi: i pannolini e i prodotti assorbenti per la persona usati vengono raccolti dagli utenti, stoccati, trattati in autoclave, dove la forza del vapore a pressione permette di aprire e sterilizzare i prodotti usati, eliminando completamente i cattivi odori e infine separati delle frazioni riciclabili per via meccanica.

Il primo impianto, in Veneto nel polo impiantistico di Contarina Spa a Spresiano (Treviso), è in grado di gestire fino a 10.000 tonnellate/anno di prodotti usati.

Articoli correlati