Ecomed, in Sicilia si progetta il futuro di energia e rifiuti

conferenza ecomed
Dal 6 all'8 aprile 2022 a Catania torna Ecomed, la Green Expo del Mediterraneo

Dal 6 all’8 aprile appuntamento a Catania. Idrogeno, ciclo virtuoso dei rifiuti ed economia circolare i focus di quest’anno

 

“Ecomed – Progettocomfort non è solo un salone espositivo. È un  ponte permanente tra la Sicilia e i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, nel solco dell’economia circolare e della condivisione delle buone pratiche”. Il CEO di Amazing Events Salvo Peci ha presentato così in conferenza stampa la nuova edizione di  Ecomed – Progettocomfortche si svolgerà presso il centro congressuale fieristico “Le Ciminiere”.
L’incontro si è svolto ieri 4 aprile presso il Palazzo della Regione Siciliana a Catania alla presenza dell’Assessore all’Energia e Servizi di Pubblica Utilità Regione Siciliana Daniela Baglieri, dell’Energy Manager della Regione Siciliana Roberto Sannasardo e delle aziende e gli enti espositori del salone tra cui il Direttore Generale di Sapio Stefano Cavenaghi e il Responsabile Fonti rinnovabili di Edison per il Sud Italia Fabio D’Alessandro. “Ecomed – ha continuato Peci – offre l’occasione per condividere saperi e azioni utili per superare le crisi ambientali in atto”.

“Organizzare un evento di questo calibro e con tutte le difficoltà aggiuntive che il periodo pandemico ci ha riservato negli ultimi due anni non è semplice”, ha affermato Giusy Giacone, Direttrice Marketing dei saloni. “Però sono convinta che se la Sicilia diventa centro del dibattito nazionale, se aziende nazionali ed estere vengono a Catania e dialogano con le istituzioni, allo stesso tavolo, se questo succede non vince solo Amazing, ma vince la Sicilia tutta”.

Mediterraneo baricentro dell’economia circolare

Ciminiere_catania
Il centro Fieristico congressuale “Le Ciminiere” è la sede di Ecomed-Progettocomfort (foto Wikipedia di Archeo con licenza CC BY-SA 3.0)

“La Sicilia torna al centro del dibattito europeo – le fa eco l’assessore Baglieri – e il Governo Regionale ha preso un impegno ben preciso: è nostro dovere accompagnare la transizione energetica nazionale con risposte strutturali nel lungo periodo. Così che si parli di Repower Sicily, oltre che di Repower EU”.

La Green Expo del Mediterraneo – che aprirà le porte il prossimo 6 aprile – si muove proprio su questi presupposti ponendosi l’obiettivo di spostare a Sud, nel bacino del Mediterraneo il baricentro dell’economia circolare, mettendo in rete i settori più strategici del made in Italy con stakeholder, istituzioni e aziende, diffondendo informazione, dando spazi di dibattito e mettendo in comunicazione cittadini, aziende e istituzioni.

Energia e rifiuti temi cardine

Mai come quest’anno il dibattito sulla transizione energetica e sulla differenziazione degli approvvigionamenti con una predilezione per le rinnovabili torna al centro delle scelte non solo economiche ma anche politiche del nostro Paese.
Grazie alle rinnovabili, all’efficientamento e alla riduzione dei consumi, all’utilizzo, in un processo di transizione sostenibile, di tutte le energie a breve tempo disponibili, l’Italia potrebbe infatti dimezzare la dipendenza dalla fornitura russa già entro il prossimo inverno, senza ricorrere a nuove implementazioni di gas o carbone.

Non è da meno il tema dei rifiuti e della sostenibilità. L’obiettivo per il 2035, cioè tra poco più di 10 anni è di conferire in discarica meno del 10%. Significa riciclare 90% dei nostri rifiuti o imparare a non produrli.
Ma un cambio di rotta è ancora possibile. E il fitto programma di convegni organizzato all’interno della tre giorni di Ecomed – Progettocomfort punta a mettere in comunicazione aziende, istituzioni e stakeholder.

“Resilienza energetica, rigenerazione territoriale e bonifica dei siti inquinati, Piano di azione sull’Economia Circolare e dei futuri finanziamenti sul tema, efficientamento della rete idrica. Saranno questi i principali temi che riempiranno le oltre 80 ore di convegni specialistici”, ha affermato il prof. Giuseppe Mancini Coordinatore dei lavori dei Comitati Tecnico-Scientifici di Catania 2030. “Un lavoro sinergico, quello fatto dal Comitato Scientifico e dal Comitato dei Portatori d’interesse che, in stretta collaborazione con l’Energy Manager della Regione Sicilia Roberto Sannasardo e con gli uffici del Dipartimento per l’Energia ci ha consentito di arrivare ad un programma convegni di alto spessore, che si è fatto catalizzatore di idee ed energie. Ecomed – Progettocomfort è ormai una realtà consolidata che in tanti invidiano e che offre prospettive di futuro a tante aziende e a tanti ragazzi che si affacciano adesso al mondo del lavoro e che hanno la possibilità di entrare in diretto contatto con centinaia di aziende”, ha concluso Mancini.

Scarica il programma dei convegni

Articoli correlati