Ecolago: un anno di progetti di tutela ambientale per il “Contratto di lago del Cusio”

Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone tra i promotori di Ecolago: iniziativa che riassume diversi progetti di tutela ambientale sul territorio rivolti a turisti e studenti. Un progetto che vede i mitili come purificatori delle acque

 

Ecolago è il progetto di punta del Contratto di lago del Cusio (accordo per l’attuazione di politiche territoriali orientate alla tutela, alla valorizzazione e alla promozione di buone pratiche e usi sostenibili del territorio interessato dal bacino del Lago d’Orta), promosso da Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone che è stato avviato nella primavera del 2021. Si è distinto per essere stato motore propulsivo di successive proposte didattiche che hanno coinvolto, e continueranno a coinvolgere, le scuole del territorio per l’anno scolastico 2022/2023.

All’interno del progetto le associazioni Mastronauta e Drago Lago hanno portato avanti alcune azioni rivolte all’educazione civico ambientale in natura con la realizzazione di percorsi sul territorio e performance artistiche a tema. Tra queste, “Verde Vivente”.

Verde Vivente: il successo di un percorso naturalistico didattico

Il percorso naturalistico Verde Vivente è lungo 2,5 km. Si trova tra Bolzano Novarese ed Ameno nel territorio compreso nella Riserva della Biosfera MAB (Man & Biosphere) UNESCO Ticino Val Grande Verbano.

Si tratta di un percorso che prevede 6 bacheche interattive con QR Code per conoscere meglio il mondo delle piante e apprendere da loro come prendersi cura del pianeta. Questo tipo di azione sul territorio è stata affiancata da alcune residenze artistiche che hanno animato il percorso educativo.

Verde Vivente ha visto lo sviluppo di attività didattiche per scuole e famiglie, l’attivazione di specifici laboratori outdoor e altri interventi partecipativi di sensibilizzazione alle tematiche ecologico-ambientali, come la mostra-laboratorio itinerante “Il magico mondo delle piante”, progettata per avvicinarsi al mondo delle piante e apprendere da loro come prendersi cura del nostro pianeta.

Lido Gozzano - Canneto
L’azione collettiva di pulizia al canneto di Gozzano ha fatto da volano a un progetto specifico di intervento di salvaguardia dei canneti del lago d’Orta

È stato progettato anche il gioco di esplorazione in natura “Verde Vivente” completamente ambientato nella Riserva Naturale del Monte Mesma, che comprende azioni da compiere, luoghi da trovare, tracce da seguire, quesiti da risolvere nell’ambiente boschivo della Riserva. Sono attualmente in fase di sviluppo altre attività di esplorazione in natura, tramite il gioco e l’esperienza, che interesseranno diverse aree del lago d’Orta.

Sia il percorso naturalistico “Verde Vivente” sia “l’aula didattica del castagno”, realizzati ad Ameno nel 2021 per far conoscere il castagno e le sue peculiarità, hanno ispirato un’iniziativa similare realizzata sempre lo scorso anno presso il Canneto di Gozzano. Si è quindi aderito al proposito base dell’iniziativa, ossia quella di divenire una “buona pratica replicabile”.

Le attività didattiche realizzate con le scuole nel 2022

L’attività didattica a oggi realizzata tramite il progetto Ecolago ha coinvolto alcuni istituti con cui sono state realizzate attività online e in presenza sul territorio, al fine di promuovere una migliore conoscenza dell’ambiente del lago e della sua salvaguardia.

Gli studenti hanno potuto approfondire aspetti legati all’ecosistema, al risparmio idrico ed energetico, alla prevenzione dei dissesti idrogeologici, effettuando visite sul territorio e lavorato con gli insegnanti rielaborando i temi forniti dagli esperti.

Sviluppi e risorse: Ecolago e i suoi sviluppi

I fondi previsti dalla borsa di ricerca destinata a Ecolago, (9600 euro stanziati) sono stati messi a disposizione di un altro progetto ambizioso del Contratto del Cusio, Ecolago “Risorta”: progetto ambientale pilota per eseguire il biomonitoraggio delle acque del Lago d’Orta grazie a molluschi dotati di microchip (progetto finanziato dal Fondo Ambiente Italiano).

LEGGI ANCHE: RisOrta, il progetto che usa le cozze d’acqua dolce come bio-sentinelle

Il progetto di bio-monitoraggio del lago d’Orta necessitava infatti di un supporto operativo per le attività di raccolta, posizionamento e controllo dei bivalvi. È stato in questo modo possibile avviarlo nel concreto, valutando il reale ruolo dei molluschi nel possibile risanamento dei suoi fondali. Grazie alla sensibilizzazione promossa da Ecolago sulla salvaguardia del delicato ecosistema del canneto di lago, si è sviluppato un secondo progetto che ha coinvolto il canneto di Gozzano.

Il coinvolgimento del CCR di Gozzano, ha previsto azioni di sensibilizzazione e pulizia collettiva del sito, che hanno fatto emergere a livello sociale la consapevolezza della condizione critica in cui versa il canneto, in forte regresso da alcuni anni. Ecolago ha così fatto da volano a un progetto specifico di intervento di salvaguardia dei canneti del lago d’Orta voluto e condotto dai Comuni cusiani e finanziato dalla Regione Piemonte.

Il progetto Ecolago” – commenta il direttore di Ecomuseo, Andrea Del Duca – è stata la prima azione progettuale concreta di Ecomuseo a favore dell’ambiente legata al Contratto di lago. Oltre che per i risultati raggiunti, il progetto è servito a far crescere le capacità operative di Ecomuseo, coinvolgendo persone giovani all’interno dello staff, che hanno portato idee nuove e rilanciato alcuni settori chiavi della nostra attività. Inoltre ha rafforzato le partnership sul territorio, permettendo di rafforzare una rete operativa che coinvolge soggetti pubblici, associazioni e aziende, e che è ora pienamente funzionante e in espansione”.

Articoli correlati