ECO Courts: cortili ecologici a Padova

Acqua fredda o frizzante come bene comune di condominio, raccolta differenziata collettiva, efficienza energetica degli impianti di utilizzo comune. Ancora: locali condivisi per il fai-da-te, bike sharing, palestre di caseggiato e a orti coltivati insieme da tutti i coinquilini. Queste le esperienze realizzate a Padova, nell’ambito del progetto ECO Courts – cortili ecologici.

ECO Courts è un esempio di sharing economy, cioè di un modello economia collaborativa. L’iniziativa promuove forme di consumo più consapevoli, nuovi stili di vita volti al risparmio e alla socializzazione, attraverso il riuso e la condivisione di beni, competenze, spazi e tempo. Un’opportunità anche per avviare un dialogo nuovo tra enti pubblici, imprese e cittadini sul tema della cosiddetta “economia circolare” e di riflettere sull’impatto possibile e concreto di tante buone pratiche collettive.

Il progetto è finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma LIFE+. Il coordinamento è a cura del Settore Ambiente del Comune di Padova ed è realizzato in partnership con Finabita, Legacoop, Associazione nazionale Cooperative di consumatori-Coop, Regione Toscana e Regione Emilia-Romagna.

Venerdì 28 novembre sarà la giornata conclusiva del progetto ECO Courts. Saranno premiati i vincitori degli ECO Courts Award e si svolgeranno dibattiti sull’economia circolare. Alle ore 18, performance di Diego Parassole accompagnato dalla Green Orchestra della Scuola di musica Gershwin.

Articoli correlati