E.ON sponsor della Marathon Città di Lodi

E.ON sarà sponsor della quarta edizione della Marathon Città di Lodi, manifestazione podistica a scopo benefico organizzata dal Movimento per la Lotta contro la Fame nel Mondo (MLFM) e dal Gruppo Sportivo Marciatori Lodigiani e con il patrocinio del Comune di Lodi in programma domenica 2 novembre a Lodi.

I podisti potranno scegliere tre diversi percorsi da 7 km, 14 km o 21 km e l’intera quota di iscrizione sarà devoluta per il progetto dell’organizzazione no profit MLFM Acquedotto di Iringa in Tanzania, per portare acqua pulita e sicura a una popolazione di 45.000 persone.

Attraverso il supporto a questa iniziativa, E.ON consolida il rapporto con la comunità lodigiana e con il territorio nel quale è presente con la Centrale di Tavazzano e Montanaso, dalla capacità netta di 1.440 MW, il più grande tra gli impianti del Gruppo in Italia. Inoltre, il Gruppo rafforza il suo impegno per la promozione e la sensibilizzazione di importanti iniziative di solidarietà.

La multinazionale energetica, in passato, ha già realizzato progetti di cooperazione per Paesi nel Sud del Mondo. Fin dal 2011 collabora con Anpil-Onlus, nell’ambito del programma di fidelizzazione E.ON EnergiaPremiata: per ogni donazione da parte dei propri clienti, E.ON ne raddoppia il valore convertendo i punti in fondi devoluti per finanziare i progetti educativi per l’infanzia nella Repubblica Democratica del Congo.

La Società ha inoltre realizzato il progetto Piú click, piú acqua per la realizzazione di quattro pozzi d’acqua nel distretto di Makueni, in Kenya. Anche in questo caso E.ON ha voluto sensibilizzare i clienti e il popolo del web sull’importanza dell’acqua come risorsa, e in particolare come fonte di energia, anche attraverso una causa sociale”su Facebook.

Sempre guardando alle necessità dei Paesi in via di sviluppo, E.ON, insieme ad altre sette grandi società energetiche, è socio fondatore di Wame & Expo2015 (World Access to Modern Energy & Expo2015). L’associazione propone di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale riguardo alla mancanza di accesso alle moderne forme di energia attraverso iniziative di ricerca scientifica, tecnologica, economica e sociale.

Articoli correlati