Input your search keywords and press Enter.

E la settimana del baratto si conclude domenica

Nel caso fosse sfuggito qualcosa, ricordiamo che fino a questa domenica 20 novembre il portale www.bed-andbreakfast.it  ha organizzato la Settimana del Baratto. Come già scritto, in migliaia di B&B italiani e quindi anche pugliesi sarà possibile alloggiare per uno o più giorni pagando il proprio soggiorno in beni o servizi piuttosto che in denaro. I contatti e le proposte di scambio tra gestori e ospiti avvengono tutti all’interno del sito www.settimanadelbaratto.it; scambi, dai più tradizionali ai più fantasiosi che tanto piacciono. Ma in questi anni si sono affezionati all’iniziativa anche alcuni gestori che hanno cominciato a proporre il baratto o accettarlo in altri periodi dell’anno. Per cui basta informarsi visionando la disponibilità di trecento strutture coinvolte, per gli investitori un vero “amore a prima vista”, e trovare chi si è totalmente convertito al baratto da praticarlo non solo in ristretti periodi. La Settimana del Baratto è solo un modo insolito per far conoscere come viaggiare in Italia, risparmiando in tempi di crisi. E, perché no?, alla fine utile per conoscere nuove persone ricche di esperienze e professionalità.

Il sole al tramonto illumina la bianca pietra di Otranto - foto di Gianni Avvantaggiato

In Salento invece Avanguardie, uno studio che lavora nel settore dell’educazione ambientale con interventi mirati e progetti organici, percorsi attivi, laboratori manuali, lancia, tra le altre cose, le visite guidate per le scuole, bicitour, charter di osservazione cetacei, trekking terrestri e acquatici, soggiorni in natura. Nel parco regionale naturale Portoselvaggio e Palude del Capitano, sono però fissi degli appuntamenti per la nuova stagione “Un trekking tira l’altro”. Il 20 è la volta di “Bianchi lidi e sabbie nere sulla costa di Otranto”, mentre diamo un’anticipazione per dicembre, con le date del 4 per immergerci nei “Colori di terra e boschi sulla serra di Poggiardo”; il 18 tutti a “Torre specchia Ruggeri”; ed infine il 31 “Notturna alla Palascia – Otranto”. Si richiede la prenotazione 349.37.88.738; sito web: www.avanguardie.net

La masseria Casamassima in agro di Ostuni

Altra iniziativa che prosegue anche il mese prossimo: “Andar per…” è un calendario di escursioni autunnali (sempre gratuite) lungo il territorio del Parco Naturale delle Dune Costiere, nel brindisino. L’idea nasce con il contributo dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Ostuni, ed è giunta alla sua terza edizione volta a favorire la conoscenza dei paesaggi agrari e costieri del Parco e della grande biodiversità di specie presente. Che inevitabilmente si traduce in biodiversità agraria e alimentare. Al termine di ogni passeggiata, infatti, ci sarà la possibilità di potersi fermare nella masseria più vicina per una sosta-pranzo al fine di degustare i prodotti biologici del Parco. E sempre questa domenica da non perdere la passeggiata dalla Masseria Casamassima alla Masseria Scategna seguendo un sentiero che corre ai piedi alla scarpata murgiana alla fine del quale sarà possibile visitare la masseria e gli animali allevati su pascoli incontaminati. Si farà poi rientro da un altro sentiero per il percorso inverso in previsione della pausa pranzo a base di prodotti bio delle aziende del Parco. Leggendo il cartellone, ecco il 27 la possibilità di vedere la masseria il Frantoio e il 4 dicembre nuova escursione dalla Masseria Lo Spagnolo a quella di Lamacornola. In più ogni sabato e domenica di dicembre si potrà guadare dal fiume Piccolo e al Morelli. Partenza sempre alle 9.30 dal piazzale antistante la Biblioteca comunale di Ostuni (sulla via per Cisternino) per poi raggiungere con auto propria il punto di partenza. Si richiede prenotazione obbligatoria. Info 348.16.382.28

(Fonte: Portale ufficiale del turismo della Regione Puglia – www.viaggiareinpuglia.it)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *