Input your search keywords and press Enter.

Durban: punto morto per il clima

Il commissario dell’Unione europea al clima, Connie Hedegaard, ha allertato i delegati sul rischio di fallimento che stanno correndo i colloqui di Durban della 17esima Conferenza Internazionale sul clima. «Se non c’è niente di più di quello che ho visto questa mattina alle 4 – fa sapere il Commissario – devo dire che qui a Durban non ci sarà nessun accordo». L’ostacolo principale a portare a buon esito dei lavori resta l’impostazione da dare al documento destinato a succedere al protocollo di Kyoto sulla limitazione del gas serra. L’Unione Europea, sostenuta da altri 100 Paesi, insiste su un accordo di portata più ampia che copra la maggior parte delle emissioni mondiali e che abbia una valenza giuridica vincolante. Invece i grandi inquinatori – Cina e Stati Uniti – non sono d’accordo e sostengono che i colloqui sono necessari solo dopo che venga preso atto degli attuali impegni volontari di riduzione delle emissioni. Intanto Hedegaard invita a stringere i tempi per evitare che «le temperature di salgano più di 2 gradi celsius».

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.