Dumping nel fotovoltaico, IFI: «Sconcertante chi chiede deroghe sulle indagini»

Il Comitato IFI – Industrie Fotovoltaiche Italiane, apprende con sconcerto le dichiarazioni rilasciate dalle associazioni GIFI- APER-ASSOSOLARE: queste richiedono all’Unione Europea una deroga sulle indagini anti-dumping contro il governo cinese.

Dichiarazioni di questo genere, afferma l’IFI, sostengono apertamente le imprese cinesi a scapito di quelle nazionali: «Associazioni che rappresentano l’industria nazionale, così vicine a Confindustria, non devono avere questo spirito, a maggior ragione quando si inneggia, spesso in modo demagogico, alla tutela e alla promozione dell’ economia reale del nostro Paese, cioè dell’industria in primis».

Alessandro Cremonesi, presidente IFI (foto), ha inoltre annunciato il fallimento della cinese Suntech. Secondo il presidente IFI, questo evento «si porterà dietro problematiche che certamente verranno scaricate sugli operatori e sui clienti nazionali ed europei in termini di assolvimento delle garanzie di prodotto. Ora – conclude Cremonesi – bisogna guardare in casa propria e realizzare che l’auspicato ritorno alla legalità, come principio generale, è un amaro compromesso che si scontra con la produzione di minori profitti».

Articoli correlati