Due denunce per reati ambientali

Sono state scoperte a Napoli dalla Guardia di Finanza. Si tratta di attività commerciali abusive e sconosciute al Fisco

 

La Guardia di Finanza di Napoli, nel corso di due distinti interventi di tutela ambientale e contrasto dell’abusivismo commerciale, ha sequestrato a Terzigno un opificio tessile e un’autofficina, in entrambi i casi completamente abusivi e sconosciuti al Fisco.

Nel corso del primo intervento, i finanzieri della Compagnia di Ottaviano, seguendo un flusso di continuo andirivieni di auto e persone, hanno individuato un immobile all’interno del quale è stata scoperta un’officina completamente irregolare, allestita con tutte le attrezzature necessarie per riparare auto.

All’interno dell’autofficina sono stati sequestrati diversi macchinari, 3 tonnellate di rifiuti e 500 litri di olio esausto.

Denunciato all’Autorità Giudiziaria, oltre che sanzionato amministrativamente per violazioni al Testo Unico in materia ambientale, il gestore di fatto dell’attività, un 54enne del luogo.

Nel corso di un secondo intervento, la stessa Compagnia di Ottaviano ha sequestrato un opificio tessile clandestino, all’interno del quale sono stati sorpresi, tra l’altro, tre lavoratori in nero.

Sequestrato l’intero immobile, di circa 200 mq, numerose attrezzature professionali, oltre 120.000 capi di abbigliamento “neutri” (ancora senza marchio), nonché circa 90.000 accessori (tra cartellini, stampelle, bottoni) che sarebbero stati utilizzati per completare e rifinire i prodotti semilavorati per l’immissione sul mercato.

Una volta accertata la mancanza della prevista documentazione in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, le Fiamme Gialle hanno denunciato un 47enne di origine cinese per reati ambientali, nonché in materia di sicurezza sul lavoro.

Sono in corso approfondimenti di natura fiscale.

Articoli correlati