Idrogel, tessuto sostenibile creato dall’acqua

Idrogel è una fibra 100% naturale composta per il 98% di acqua. Una novità nel mondo della moda sostenibile

Idrogel, fibra naturale per il settore della ethic fashion.

La moda è sempre più all’avanguardia in fatto di ricerca dei tessuti a basso impatto ambientale. Sono tante le aziende e i brand che, in nome di un mondo più sostenibile, promuovono e diffondono la cultura del riciclo e dell’uso dei tessuti naturali.

La nuova frontiera sembra essere proprio Idrogel. Come dice la parola stessa, è un tessuto composto essenzialmente da acqua.

Idrogel è stato creato da un team di architetti e chimici dell’Università di Cambridge, il quale ha cercato di elaborare una fibra in grado di rigenerare una tela di ragno in modo da ottenere un prodotto filato e resistente.

Da cosa è formato Idrogel, la fibra naturale?

Se il 98% del tessuto sostenibile è formato principlamente da H2O, la restante parte è costituita cellulosa e silicio. Entrambi prodotti totalmente naturali, le cui molecole restano sospese nell’acqua e, intrecciandosi in una trama, formano i cucurbiturili. Sono strutture chimiche chiamate “manette molecolari” a forma di barile e capaci di tenere insieme la cellulosa e il silicio, permettendo al contempo di estrarre dal gel fibre lunghe ed estremamente sottili.

Idrogel, la fibra naturale senza solventi nocivi

Per produrre la nuova fibra sostenibile non è necessario usare solventi pericolosi o elementi sintetici che costituiscono la maggior causa di inquinamento dei mari. Per realizzare il materile green, che sarà usato, si spera, in tutti gli atelier in cui l’attenzione all’ambiente e alla salute dell’uomo sia principio essenziale, è necessaria la temperatura ambiente, poca energia, un bagno acquoso. Solo in questa maniera si evita di ricorrere a solventi tossici.

LEGGI ANCHE: Moda green, tessuti dal legno certificato PEFC in passerella

I materiali di fibra hanno un grande impatto sulla nostra vita quotidiana. Vengono utilizzati sia nel campo tessile, ma anche per realizzare altri tipi di composti. Anche se il processo produttivo delle fibre artificiali è potenzialmente limitato da un ampio consumo di energia, i ragni possono facilmente spinare le fibre di seta a temperatura ambiente. Qui riportiamo una classe di materiale che si basa su un idrogel auto-assemblato costruito con collegamenti incrociati host dinamici fra polimeri funzionali. Le fibre supramolecolari possono essere prelevate da questo idrogel a temperatura ambiente. La fibra supramolecolare presenta migliori proprietà di trazione e smorzamento rispetto alle fibre convenzionali rigenerate, come viscosa, sete artificiali e capelli. Idrogel offre un’alternativa sostenibile alle strategie di produzione di fibre attuali.

LEGGI ANCHE: Moda sostenibile, la startup CORA ama l’ambiente

Quando si osservano queste fibre, è possibile notare una gamma di forze diverse che le tengono insieme su diversa scala. È come una gerarchia che deriva da una combinazione complessa di proprietà”, ha dichiarato Yuchao Wu, l’autore principale dello studio.

Articoli correlati