DPI, truffa milionaria alla Protezione civile del Lazio

Vendute mascherine e camici non certificati da società del mondo dell’editoria. 3 gli arrestati. Sequestrati 22milioni di euro e la società

Sono finiti agli arresti domiciliari Andelko Aleksic (classe 1980), Vittorio Farina (classe 1955), già attivo nel settore della carta stampata, e Domenico Romeo (classe 1970), per i reati, a vario titolo, di frode nelle pubbliche forniture e truffa aggravata. Per Aleksic e Farina c’è anche l’accusa di traffico di influenze illecite.

Questi sono i nomi dei tre responsabili che nella prima fase del lockdown, tra marzo e aprile 2020, hanno fornito 5 milioni di mascherine FFP2 e 430.000 camici alla Regione Lazio, tramite la società milanese EUROPEAN NETWORK TLC S.r.l., ad un prezzo complessivo di circa 22 milioni di euro.

La Guardia di Finanza di Roma ha ricostruito l’intera vicenda. I contratti sottoscritti con la Protezione civile del Lazio prevedevano la consegna di dispositivi di protezione individuale marcati e certificati CE, rientranti nella categoria merceologica di prodotti ad uso medicale, da parte dell’impresa milanese di Aleksic, che fino a marzo 2020 era attiva soltanto nel settore dell’editoria.

Per poter superare gli evidenti ostacoli burocratici, la società ha fornito prima documenti rilasciati da enti non rientranti tra gli organismi deputati per rilasciare la specifica attestazione e, successivamente, per superare le criticità emerse durante le procedure di sdoganamento della merce proveniente dalla Cina, ha prodotto falsi certificati di conformità non riferibili ai beni in realtà venduti, forniti da Romeo anche tramite una società inglese a lui riconducibile.

Le indagini si sono così concluse con le misure cautelari nei confronti dei 3 indagati e il sequestro del profitto della vendita della merce, quasi 22 milioni di euro, e della società milanese EUROPEAN NETWORK TLC S.r.l., soggetta ora alla misura interdittiva del divieto di contrarre rapporti con la Pubblica Amministrazione.

Dal 2020 sono stati numerosissimi gli interventi mirati a bloccare frodi e truffe in ambito sanitario e medicale al pubblico e ai privati. Per alcuni malintenzionati il Covid è evidentemente un business, lo dimostrano le brillanti operazioni che a livello anche internazionale stanno eseguendo sia Guardia di Finanza e sia Carabinieri, interrompendo azioni illecite che, oltre ad inquinare il mercato, provocano gravi danni alla salute dei cittadini.

Articoli correlati