Input your search keywords and press Enter.

H2R, elettrico è bello

Da quest’anno H2Roma (nella foto, la passata edizione) si sposta a Rimini Fiera, all’interno di Ecomondo-Key Energy

Come in una matrioska Ecomondo -Key Energy nasconde per la sua 17ma edizione un dono prezioso: ed è H2Roma, l’evento nazionale dedicato all’auto sostenibile, che dalla capitale, dopo 11 anni si sposta con una nuova veste e una nuova sigla a Rimini Fiera. Dal 6 al 9 novembre, infatti, il più qualificato e frequentato happening della Green Economy ospiterà un nuovo evento di respiro internazionale: H2R – Mobility for Sustainability, il primo Salone della mobilità per la sostenibilità.

Non poteva trovarsi per questo battesimo una location migliore: Ecomondo, infatti, con gli eccellenti risultati della scorsa edizione (oltre 84.000 visitatori, 150 convegni, 1.000 relatori, circa 650 giornalisti accreditati e 1.200 aziende espositrici in più di 100.000 mq di esposizione) rappresenta una vetrina prestigiosa per un discorso – la mobilità sostenibile – destinato a diventare trainante nel gran mondo della green economy.

Tutti in pista – Questa edizione di H2R si presenta ancor più spumeggiante degli anni passati. Non mancheranno le passerelle delle auto “più sostenibili che mai”, i meeting, le anteprime; appassionati ed esperti, ricercatori e manager discuteranno anche con i visitatori di motori e fonti rinnovabili, energia e mobilità davanti al cambiamento: un esclusivo connubio fra ricerca, industria e istituzioni per conoscere le tecnologie che verranno e le soluzioni più innovative per ridurre l’impatto ambientale della circolazione.

Il Sindaco di Salerno e Vice Ministro Infrastrutture e Trasporti Vincenzo De Luca inaugura la stazione di ricarica per auto elettriche di Piazza della Concordia a Salerno

Non solo Rimini Fiera – Che questo sia ormai un imperativo per gli anni a venire lo dimostrano piccoli ma significativi episodi. Anzitutto, sono in aumento (anche se non impetuoso) le città che si dotano di stazioni di ricarica per auto elettriche. L’ultima in ordine di tempo è Salerno, dove lo scorso 14 settembre è stata inaugurata in Piazza della Concordia una nuova colonnina per la ricarica per auto elettriche che consentirà la ricarica contemporanea di due autoveicoli, con una presa dedicata anche ai motocicli ed i quadricicli, come ad esempio la Twizy di Renault. In aggiunta, un bonus per gli automobilisti virtuosi, che avranno ricarica e sosta gratuite per le prime tre ore. Non solo, a queste buone pratiche se ne aggiungono altre, come, sempre a Salerno, abbonamenti a prezzi popolari per possessori di auto elettriche che potranno sostare in particolari aree ed accedere liberamente alle ZTL.

Vedere per credere – Ad H2R dal 6 al 9 novembre gli ospiti potranno visionare l’esposizione statica dei mezzi messi a disposizione dalle case automobilistiche ed accreditarsi per i test drive volti ad approfondire la conoscenza dei più recenti veicoli a basse emissioni. L´esposizione e la messa su strada delle tecnologie automobilistiche con minor impatto ambientale e maggiore contenuto tecnologico permetterà anche a chi non appartiene al settore della mobilità di conoscere e toccare con mano i risultati e le potenzialità della ricerca automobilistica in tema di sostenibilità dello sviluppo.

Slide Eco, la prima macchina raccoglitrice a zero emissioni presentata al MACFRUT 2013

Macchine elettriche anche tra i campi – Peccato che mancherà una macchina tutta speciale: è stata presentata al MACFRUT 2013 ed è la prima raccoglitrice dedicata alle colture orticole per foglie da taglio a funzionamento elettrico e, pertanto, a zero emissioni. Slide Eco – questo il suo nome – è nata per eliminare il livello di inquinamento prodotto dai gas di scarico dei motori endotermici, sostituendo questi ultimi con motori elettrici, in un’ottica di potenziale aumento del valore aggiunto dei prodotti della terra coltivati con metodologie biologiche o ecocompatibili. Il motore elettrico della macchina sviluppa una potenza di 30 Kw ed è alimentato da una batteria che consente un’autonomia di 14 ore lavorative. La ricarica – dicono i dati tecnici – dura 3 ore ed è effettuabile con il cavo da 10A in dotazione, collegabile ad una normale presa domestica di 220 V. La durata media della batteria è di 1.500 ricariche, il che significa oltre quattro anni di lavoro continuativo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *