Dopo Genova 2014: il WWF per la difesa del territorio

È stato lanciato, al Festival della Scienza di Genova, l’appello Dopo Genova 2014 – Clima, suolo e futuro: per un’economia basata sul valore della natura. Il documento è promosso dal WWF, in collaborazione con l’Associazione Festival della Scienza e Telecom Italia ed è stato sottoscritto da esponenti del mondo della scienza e delle scienze sociali.

Proprio da Genova, recentemente colpita da un’alluvione, si chiedono finanziamenti per risanare e difendere il territorio. La programmazione economica deve riconoscere valore alla natura ed ai servizi offerti dagli ecosistemi, relativamente al benessere ed allo sviluppo umano.

Sono state individuate nove categorie di potenziali impatti attesi dei cambiamenti climatici e le principali vulnerabilità del territorio italiano, insieme ad una lista di sei punti urgenti. Veri e propri pacchetti di azioni che, nella direzione della Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici, si chiede siano attuate subito dal Governo e dalle istituzioni territoriali.

Oltre all’adozione della Strategia, il WWF chiede l’applicazione delle direttive europee sulle acque e sul rischio alluvionale, la promozione di un rilevamento delle situazioni di compromissione che abbiamo turbato le naturali condizioni di deflusso dei corsi d’acqua, la promozione di un’azione diffusa di ripristino ecologico ,indispensabile per le politiche di adattamento e infine, la manutenzione del territorio.

Articoli correlati