Discarica abusiva vicino al fiume Paglia

Grazie alla sinergia tra la Guardia di Finanza di Siena e di Pisa, è stata scoperta una discarica vicino all’affluente del Tevere

 

Durante alcuni controlli della Sezione aerea di Pisa, i finanzieri della Tenenza di Chiusi Scalo hanno individuato dall’alto un’ampia superficie utilizzata come deposito di materiali, sulle pendici del Monte Amiata, nei pressi del fiume Paglia, affluente del Tevere. Trattandosi presumibilmente di una discarica, le Fiamme Gialle di Siena hanno inviato alcuni uomini a controllare via terra l’area, in collaborazione con i funzionari dell’A.R.P.A. della Toscana.

Così è stata accertata la presenza di una discarica abusiva a cielo aperto, dove i rifiuti sono stati abbandonati direttamente sul terreno esposti agli agenti atmosferici. In un’area di circa 2mila mq sono stati stoccati numerosi pallet senza alcuna precauzione per l’ambiente. Al di sotto dei pallet c’era materiale legnoso triturato insieme a cumuli di terra e vegetali di circa 80 mc. C’erano anche ammassi di terra e legno, materiale plastico di circa 30 mc, fusti di liquido, cataste di vetro, ferro, bombole vuote, estintori. Rifiuti, dunque, che se non trattati secondo le normative vigenti possono diventare estremamente pericolosi per la salute e per l’ambiente.

È stato individuato il responsabile del sito, che ha assistito alla catalogazione dei rifiuti. L’uomo è stato denunciato per abbandono sul suolo di rifiuti  non pericolosi e per aver realizzato un deposito incontrollato di scarti. Dovrà ora anche procedere allo smaltimento dei rifiuti e realizzare strutture adatte per una corretta gestione.

Articoli correlati