Input your search keywords and press Enter.

Diga di belo Monte: Indios sul piede di Guerra

Migliaia di persone si sono riversate per le strade in decine di città del mondo per protestare contro la mega-diga Belo Monte, in costruzione nell’Amazzonia brasiliana.

Ai gruppi provenienti da tutte le parti del Brasile che hanno chiesto alla Presidente Dilma Rousseff di fermare la costruzione della diga sul fiume Xingu, hanno fatto eco manifestazioni davanti alle ambasciate del Brasile a Berlino, Londra, Parigi e Madrid e di altri Paesi.

La costruzione della diga devasterà ampie aree dell’Amazzonia e compromette la vita di numerose tribù indigene ma, nonostante le numerose violazioni dei diritti umani e ambientali e una massiccia opposizione da parte della popolazione locale i lavori avanzano.

La portavoce indigena Sheyla Juruna ha sottolineato recentemente che i popoli indigeni “non sono contro lo sviluppo ma che esistono altri modi di produrre energia. Noi consideriamo il fiume la nostra casa. Se il governo persisterà a voler costruire Belo Monte, ci sarà guerra” (nella fotografia una danza di protesta della tribù dei Kayapó).

Per leggere la storia online: http://www.survival.it/notizie/7606

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *