Diecimila chilometri al “verde”: l’Esmeralda expedition del giramondo curioso

Il piacentino Francesco Magistrali sarà l’Inviato speciale di ExpoLab dell’Università Cattolica di Milano

Non poteva scegliere una partenza più simbolica per la sua “impresa”: Ushuaia, la città più a Sud del mondo. E da lì, risalirà per diecimila chilometri, con una sola, precisa regola: non utilizzare alcun mezzo di trasporto a motore. È la “Esmeralda expedition”, il lungo viaggio che per circa un anno porterà Francesco Magistrali, 35enne piacentino, in una delle parti del mondo più selvagge, eterogenee e affascinanti: il Sudamerica. Un viaggio “green”, dato che userà solo i suoi piedi, la bicicletta e la canoa, per una spedizione in cui Magistrali sarà l’Inviato speciale di ExpoLab dell’Università Cattolica di Milano: osserverà e analizzerà da vicino le realtà incontrate, con l’obiettivo di condividere attraverso i media i risultati ottenuti a scopo educativo e divulgativo. E della Cattolica, Magistrali è un ex studente: classe ’77, in quell’ateneo si è laureato in Scienze motorie e dello sport. E proprio nel settore sportivo lavora da anni, ma non rinuncia a ritagliarsi lunghi periodi per viaggiare nelle zone più impervie e inospitali del pianeta. Vacanze “al limite” che gli hanno permesso di diventare un esperto di sopravvivenza in senso stretto e che gli sono valse il titolo di “trip leader” per BackRoads International, travel company californiana premiata come numero uno al mondo nel proprio settore da National Geographic.

Islanda, giungla e… – Di spedizioni e avventure epiche ne ha già realizzate in mezzo mondo, specializzandosi nell’ultimo periodo soprattutto sulla giungla. Solo per citare alcune delle sue esperienze, nel 2002 ha realizzato una traversata in solitaria, a piedi, di tutta l’Islanda. L’anno successivo è andato in Bolivia e ha attraversato il deserto di sale più grande del mondo, il “Salar de Uyuni”, nel cuore dell’altopiano andino, con un amico medico. Nel 2004, ha partecipato a un progetto sportivo-umanitario in Kosovo, prima di trasferirsi per mesi nell’Amazzonia Brasiliana e spostarsi poi in Canada.

Il viaggio di Magistrali toccherà la Terra del Fuoco, le Ande, la Patagonia, l’Amazzonia

Expo 2015 sullo sfondo – Un giramondo curioso, in sostanza, stavolta metterà la propria passione nell’ambito del progetto sul tema di Expo 2105 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. Tutto, senza motore: dalla Terra del Fuoco lungo le Ande in bicicletta,  attraverso la Patagonia, e poi in Amazzonia remando in canoa lungo i fiumi che solcano la foresta più grande del mondo, il polmone verde del globo, fino all’Oceano Atlantico dove si concluderà un’avventura mai tentata finora. Con l’ambiente che sarà colonna sonora del viaggio: il progetto si animerà infatti attraverso l’analisi dei consumi “from farm to fork”, ovvero durante l’intera filiera alimentare sostenibile, dalle Ande all’Amazzonia e delle problematiche legate all’accesso, al consumo e alla produzione di cibo con particolare attenzione all’impatto ambientale legato alle attività di caccia, pesca, allevamento e agricoltura. E quello di Magistrali sarà un vero e proprio “diario di bordo”, completo di testi, immagini e video per una ricognizione del rapporto tra ambiente, cultura, stili di vita e alimentazione delle popolazioni dell’America del Sud, tra Paesi emergenti e in via di sviluppo con un focus sulle condizioni ambientali.

 

Articoli correlati