Destagionalizzazione, la Puglia è pronta

Destagionalizzazione ed internazionalizzazione sono i fili conduttori di “Puglia 365”, il Piano strategico sul turismo 2016/2025 della Puglia

La destagionalizzazione ed internazionalizzazione sono i fili conduttori di “Puglia 365”, il Piano strategico sul turismo 2016/2025 della Puglia elaborato da Pugliapromozione insieme ad operatori, istituzioni e comuni. La Giunta regionale, che ha varato anche la copertura finanziaria per tre anni, ha permesso alla Puglia di essere la prima regione italiana a sviluppare un simile strumento in maniera parallela con Piano nazionale del turismo. Il Piano era stato presentato in bozza al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, già il 27 Luglio 2016 a Roma.

destagionalizzazione
La presentazione del Piano strategico sul turismo “Puglia 365”

I finanziamenti che ammontano a 36 milioni di euro per i primi tre anni sulla misura 6.8 del P.O Fers 2014/20 sono stati già stanziati per promozione, accoglienza ed innovazione, soprattutto di prodotto. La delibera che stanzia 12 milioni di euro per il 2017 è già esecutiva. Altre risorse saranno negoziate con gli assessorati allo Sviluppo Economico, alle Infrastrutture e Trasporti ed alla Formazione per progetti comuni che riguardano lo sviluppo del turismo.

Le risorse saranno messe a disposizione dei comuni attraverso un bando a sportello per le attività che permetteranno una fortissima presenza nelle fiere in tutto il sistema della promozione ed una grande presenza anche nella comunicazione che partirà nel periodo pasquale. Il piano intende far crescere la competitività della destinazione Puglia in Italia e all’estero, aumentare i flussi di turisti internazionali, dare una spinta positiva alla destagionalizzazione, potenziare l’innovazione organizzativa e tecnologica del settore con l’intento di aiutare i territori pugliesi ad organizzarsi per destagionalizzare i flussi turistici. Le priorità d’intervento sono prodotto, formazione, accoglienza, promozione legate dal filo dell’innovazione e poggiate su un sistema di infrastrutture e collegamenti interconnessi più veloci che arrivino nel cuore delle città e dei territori.

Piano strategico turismo frutto della partecipazione

Il Piano strategico sul turismo è stato un processo partecipativo. Sono stati 750 i partecipanti ai 18 incontri che si sono svolti in tutta la Puglia. Ci sono stati 1252 intervenuti e 2188 utenti unici in streaming. «E’ necessaria – ha commentato Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia – una visione strategica sul turismo per lo sviluppo dei flussi turistici. La Puglia continua ha dimostrato un’ottima performance e guadagnato rispetto negli ultimi anni». Il tasso d’internazionalizzazione è stato del 20%. L’obiettivo è di raggiungere il 30% nel 2025 ad un ritmo di crescita annuo del 8,5%. «Dobbiamo fare – ha detto Loredana Capone, assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia – un grande lavoro affinchè il turismo possa incidere sulla crescita economica e sociale. Abbiamo già sperimentato proprio per l’autunno e l’inverno un sostegno concreto all’attività dei comuni con l’allungamento della stagione ed un aumento notevole dei flussi turistici su itinerari e prodotti  definiti. Secondo Luca Scandale, responsabile del Piano Puglia365, «ora devono riprendere la partecipazione e collaborazione con il partenariato per divulgare il piano e far partire al più presto le attività concrete previste nell’accordo triennale».

Articoli correlati