Depuratore Carovigno, la Regione Puglia si rivolge alla Provincia di Brindisi

Si è riunita la conferenza di servizi presso la Provincia di Brindisi per il rilascio dell’autorizzazione provvisoria allo scarico del nuovo depuratore consortile di Carovigno, in provincia di Brindisi.

La Regione Puglia, in tal senso, sta lavorando per la soluzione definitiva condivisa da tutti, di fronte alla salute dei cittadini ed alla relativa protezione di Torre Guaceto. La certezza dell’Assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile della Regione Puglia, Fabiano Amati è che la Provincia di Brindisi conceda rapidamente l’autorizzazione provvisoria allo scarico dell’impianto di depurazione di Carovigno, anche in considerazione che stiamo lavorando al massimo delle nostre possibilità per realizzare la soluzione definitiva nel giro di 18 mesi.

“Sono dell’opinione – ha commentato Amati – che tutti dobbiamo schierarci in favore dei cittadini e per la tutela di Torre Guaceto, con la conseguenza che ogni ritardo nell’entrata in funzione del depuratore favorisce la malattia, come sostenuto dalla ASL, ed altera la qualità dell’ambiente”.

Articoli correlati