Input your search keywords and press Enter.

Decreto anti smog: il commento di Confcommercio

smog
smog - milano

La qualità dell’aria sul territorio nazionale, nelle maggiori aree metropolitane, soprattutto, è, al momento, caratterizzata dalla presenza di polveri sottili, in concentrazioni superiori ai limiti imposti dalla normativa nazionale e comunitaria.

Smog: Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e Province autonome e Piero Fassino, presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), hanno sottoscritto un protocollo d’intesa.

Alla luce dell’emergenza smog nelle maggiori aree metropolitane, soprattutto, del Paese, il documento è si è reso indispensabile per migliorare la qualità dell’aria, incoraggiare il passaggio a modalità di trasporto pubblico a basse emissioni, disincentivare l’utilizzo del mezzo privato, abbattere le emissioni, favorire misure intese a aumentare l’efficienza energetica.

La qualità dell’aria sul territorio nazionale è, al momento, caratterizzata dalla presenza di PM10, PM2,5 e N02, in concentrazioni superiori ai limiti imposti dalla normativa nazionale e comunitaria.

Per fronteggiare l’emergenza smog e migliorare la qualità dell’aria e dell’ambiente il governo ha deciso di adottare misure urgenti di prevenzione e riduzione delle concentrazioni di inquinanti.

«Dal summit anti smog promosso dal ministro Galletti – ha commentato il vice presidente di Confcommercio Paolo Uggè -, emerge chiaramente l’inutilità dei provvedimenti di blocco estemporaneo della circolazione veicolare, più volte denunciata da Confcommercio, così come appare rischioso l’intendimento di ridurre di 20 km orari i limiti di velocità in quanto potrebbe innescare effetti controproducenti, attraverso congestione e incolonnamenti, estremamente dannosi per le prestazioni ambientali dei veicoli Euro 6. Risultano invece apprezzabili – continua Uggè – la riconferma delle misure in favore del trasporto intermodale, già promosse dal Ministro Delrio in accordo con le associazioni degli autotrasportatori e l’annunciato programma di incentivi al rinnovo del parco circolante, purché lo stesso sia preventivamente autorizzato dall’Unione Europea, per evitare successive richieste di restituzione che ricadrebbero sugli operatori».

(fonte Agenparl)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *