Input your search keywords and press Enter.

De Vizzi, sub senza limiti

Procede senza intoppi nel tratto di mare prospiciente il molo di Santa Caterina di Nardò, il  tentativo di Paolo De Vizzi di stabilire il nuovo record mondiale assoluto di permanenza subacquea con erogatori in corso dall’8 all’11 settembre. E al sub De Vizzi è stato affidato un compito particolare: portare con sé una fontanina donata dall’Acquedotto Pugliese, la classica cape de firr in miniatura, da ancorare sul fondale del record.

paolo de vizzi

Il sub Paolo De Vizzi è accompagnato nella sua impresa da uno staff di 165 subacquei, tra cui i componenti di un team medico

Aqp  – e l’acqua – sponsor dell’impresa, dunque. Infatti l’’azienda garantisce anche il fabbisogno idrico del sub pugliese durante l’immersione, insieme a quello dell’intero staff coinvolto nell’impresa. Un modo per ribadire che l’acqua distribuita dall’Acquedotto Pugliese è assicurata da attenti controlli condotti più volte al giorno, in più punti del territorio, grazie al prelievo e alle analisi di campioni dalle sorgenti, dai potabilizzatori, dai pozzi, dalle fontane pubbliche. I 10 laboratori di analisi di AQP monitorano oltre 390 mila parametri chimici e microbiologici all’anno. Alcuni principali indicatori di potabilità sono controllati in tempo reale attraverso un sistema di telecontrollo. La purezza dell’acqua è, inoltre, garantita da ulteriori stazioni di disinfezione complementari, posizionate sui principali nodi della rete.

Il tentativo di record che si sta svolgendo  ad una profondità di 10 metri a Santa Caterina di Nardò vede il giovane De Vizzi, affetto da una grave menomazione degli arti inferiori, proteso a superare l’attuale limite, fissato in 50 ore.

Come nasce questa singolare performance? Le ragioni sono da collegare all’altrettanto singolare storia del giovane atleta, originario di Manduria, vittima nel 1992, appena ventiduenne, di un drammatico incidente stradale che lo costrinse su una sedia a rotelle. Grazie alle cure di un centro specialistico di Imola, Paolo riesce a recuperare la voglia di vivere e, da grande appassionato del mare, il desiderio di immergersi. Eccolo, allora, pronto a conseguire l’Open Water, il suo primo brevetto subacqueo. Immersione dopo immersione, Paolo, che nel frattempo ha costituito l’Associazione “Un mare senza limiti”, matura il desiderio di raggiungere fondali sempre più profondi e nel giugno 2011 si spinge sino a 62 mt e 30 cm sotto il livello del mare, stabilendo un primato per disabili.

sub-e-fontanina

De Vizzi beve alla “cape de firr” la fontanina simbolo dell’Acquedotto Pugliese

Oltre che dalla profondità, Paolo è affascinato dall’idea di restare il più possibile sott’acqua. Nel giugno 2013 la nuova sfida: il giovane sub si tuffa nel mare pugliese per stabilire il nuovo record di permanenza sott’acqua per normodotati, pari a 32 ore, stabilito nel 2007 in Sicilia. Impresa riuscita anche stavolta: riemerge dopo 34 ore e 30 minuti, superando, tra l’altro, gravi problemi legati all’ipotermia.

E siamo ai giorni nostri. Paolo è affiancato, nel tentativo di stabilire il nuovo record, da una folta equipe di tecnici e specialisti: uno staff di 165 subacquei, tra cui i componenti di un team medico proveniente dall’università di Lugano, che avrà il compito di monitorare, minuto per minuto, la performance dell’atleta pugliese.

In questa nuova ed esaltante esperienza, Paolo è sostenuto dall’AQP che ha voluto suggellare la nuova sfida sportiva con il dono della classica fontanina, ancorata sul fondale del record. Un totem, a ricordo dell’impresa, che segue di poco l’inaugurazione dell’acquedotto del Sinni, sempre in Salento, che arricchisce lo storico sifione leccese che si conclude al Capo di Leuca col tratto che lo collega al territorio di  Seclì.

Appassionati e visitatori della Fiera del Levante di Bari, potranno seguire l’evento in diretta streaming nel Padiglione 170, che ospita l’Acquedotto Pugliese, a partire da sabato 10 settembre.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *