Input your search keywords and press Enter.

Dati sul rischio idrogeologico. Dalla Puglia il commento dell’assessore Amati

Resi noti i dati del primo Rapporto sullo stato del territorio italiano, realizzato dal centro studi del Consiglio nazionale dei Geologi (Cng), in collaborazione con il Cresme. Dal rapporto emerge che circa 6 milioni di italiani abitano nei 29.500 chilometri quadrati del territorio Italiano considerato ad «elevato rischio idrogeologico», 1.260.000 sono gli edifici «a rischio frane e alluvioni» mentre 6 mila scuole e 531 ospedali sono a rischio.

L’assessore della Regione Puglia alle Opere Pubbliche e Protezione civile, Fabiano Amati, commenta la situazione con sguardo attento alla propria regione: «Sappiamo bene che la Puglia, per sua stessa natura, presenta molte zone a rischio idrogeologico ed idraulico». Infatti, in Puglia esiste una situazione di rischio per 167.139 abitanti, 162 scuole e 11 ospedali. «La nostra priorità è la salvaguardia della incolumità dei cittadini pugliesi – rassicura Amati – e per questo speriamo che nei prossimi giorni si possa sottoscrivere, così come promesso, l’accordo con il Ministero dell’ambiente per l’utilizzo di ingenti risorse».

Print Friendly, PDF & Email