Input your search keywords and press Enter.

Dall’Ue nove milioni di euro per i test dell’energia marina

E’ possibile ancora cogliere un’opportunità per sperimentare gratuitamente le loro tecnologie in 28 centri di ricerca europei in 11 Paesi europei, compreso il Brasile. Scade a fine febbraio, infatti, il primo di quattro bandi rivolti alle aziende. Il progetto che offre tale possibilità, si chiama Marinet (Marine renewables infrastructure network). L’obiettivo è consentire alle imprese di utilizzare le strutture di questi centri per sperimentare i prototipi, come i generatori sottomarini per catturare energia dalle onde e dalle maree. I test, infatti, sono indispensabili per passare alla fase commerciale di queste tecnologie, spesso frenate dalla mancanza di fondi a vantaggio di fonti più mature come l’eolico e il solare.

L’energia marina è il settore delle fonti rinnovabili che è rimasto più indietro quanto a sviluppo tecnologico e diffusione degli impianti, fatta eccezione per l’eolico offshore. Le centrali che sfruttano il moto ondoso le escursioni delle maree, invece, sono ancora in una nicchia nonostante le potenzialità in diverse zone costiere dell’Europa, come in Gran Bretagna. Così Bruxelles destinerà nove milioni di euro da qui al 2015 per finanziare l’innovazione tecnologica delle aziende specializzate nelle rinnovabili marine: si chiuderà a fine febbraio il primo di quattro bandi per attingere a queste risorse.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *