Input your search keywords and press Enter.

Cultura sul lungomare di Otranto

La cultura spazia fra libri, scrittori e storie in una serie d’incontri culturali con alcuni editori e scrittori del panorama letterario italiano. Ha inizio oggi a partire dalle ore 20.30 presso il Lungomare degli Eroi di Otranto la “Rassegna estiva cultura per Otranto”, l’evento è organizzato e curato dal Comune di Otranto e dallo scrittore-giornalista Roberto Cotroneo. L’obiettivo dei dialoghi è chiedere agli ospiti, che hanno uno sguardo sul futuro regalato da un passato e coltivato in modo prezioso, di raccontare quello che sanno e possono ancora vedere per noi.

Accardo-Micheli-2

Il maestro Salvatore Accardo

La manifestazione si divide in due sezioni: dal 15 al 17 luglio Voci del verbo: essere” e dal 26 al 28 agosto Work in progress. I primi protagonisti saranno l’editore Alessandro Laterza e Salvatore Accardo, primo vincitore assoluto all’epoca della sua istituzione del Concorso Paganini di Genova. Nel corso della sua prestigiosa carriera Accardo ha ricevuto anche numerosi premi, tra cui il Premio Abbiati della critica italiana per le sue eccezionali interpretazioni. Il Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, lo ha nominato Cavaliere di Gran Croce, la più alta onorificenza. Il vastissimo repertorio del maestro spazia dalla musica barocca a quella contemporanea e gli hanno dedicato loro opere i compositori Sciarrino, Donatoni, Piston, Piazzolla, Xenakis.

Durante il primo appuntamento Roberto Cotroneo dialogherà con Alessandro Laterza sulla questione “Sud e Cultura”. Seguirà alle ore 22.30 l’incontro di Salvatore Accardo che parlerà de “Il miracolo della musica”, un’autobiografia che smentisce la convinzione che la musica si possa solo ascoltare o suonare.

«Sempre più di questi tempi – spiega Roberto Cotroneo – si perde il senso delle cose: il valore dell’autorevolezza, i saperi culturali che si poggiano su anni di esperienza, storie, libri, pensieri scritti e detti. I grandi vecchi non sono sempre una storia passata da ricordare e basta e tenere da parte, ma i vegliardi, la memoria di quello che saremo, il nostro vocabolario privato per orientarsi nel mondo e riuscire a capirne qualcosa». Tutti gli incontri sono a ingresso libero.  In caso di maltermpo l’evento si svolgerà nelle sale del castello aragonese.

Il programma è consultabile su www.comune.otranto.le.it.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *