Costa pugliese, una giornata per celebrarla

Un tratto di costa a sud di Otranto

Domani, in Puglia, si celebra la prima Giornata regionale della costa. Tra le iniziative, una manifestazione il 10 aprile a Bari alla presenza delle massime autorità e un webinar organizzato da SIGEA e Ordine dei geologi di Puglia

 

“Le coste della Puglia, la gestione sostenibile della costa tra geologia, ambiente, paesaggio e turismo”: questo è il filo conduttore di due giornate di studi proposte dalla Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA) – APS in co-organizzazione con l’Ordine dei Geologi della Puglia nelle date dell’11 e 12 aprile 2024, sotto forma di webinar. Le date sono state scelte in coincidenza con la prima “Giornata regionale della costa” istituita, con Legge Regionale approvata dal Consiglio regionale della Puglia nella seduta dello scorso 26 marzo, e appena pubblicata sul BURP, con lo scopo di preservare e valorizzare il patrimonio costiero nella sua biodiversità e nei suoi caratteri identitari.

LEGGI ANCHE: 12 aprile, giornata regionale della Costa. La Puglia è la prima in Italia

Non è superfluo ricordare che l’ambiente costiero incide in Puglia con oltre 1.000 chilometri, su una fascia di territorio in cui si concentrano le interazioni tra azioni marine e terraferma oltre alle forme più intense di azione antropica, che va pertanto calibrata attentamente in funzione della necessità di ridurne gli impatti e le ricadute negative. “Ricordo che con la stessa legge che istituisce la “Giornata regionale della costa” è stato ripristinato in Puglia il divieto di concessione ai privati delle aree con cordoni dunali, ripristino fortemente sollecitato nei mesi passati dalla SIGEA-APS”, precisa Vincenzo Iurilli, Presidente della Società Italiana di Geologia Ambientale, sezione Puglia.

Valorizzare le politiche di gestione della costa

“Con l’istituzione della Giornata regionale della costa in Puglia si riconosce l’esistenza non solo di una linea di costa ma di un sistema costiero – ha dichiarato Antonello Fiore, Presidente Nazionale della Società Italiana di Geologia Ambientale – e si rafforzano le politiche di gestione, si privilegiano l’approccio ecosistemico e il coinvolgimento, al fianco delle istituzioni preposte alla salvaguardia e tutela, favorendo, la partecipazione della società civile per l’uso consapevole e sostenibile del territorio e delle risorse naturali. Un esempio, quello della Puglia, che dovrebbero seguire tutte le regioni costiere e utile per promuovere sempre più nell’opinione pubblica e nelle giovani generazioni la cultura e la conoscenza del sistema costiero e degli equilibri necessari a garantire una fruizione che ne preservi la sua tutela”.

“Come SIGEA-APS saremo presenti il pomeriggio del 10 aprile al Kursaal Santalucia di Bari per condividere la celebrazione della prima ricorrenza della Giornata regionale organizzata dalla Regione Puglia e dalla Guardia Costiera. L’evento mira a riconosce al sistema costiero un valore strategico – spiega Francesco Stragapede, promotore delle iniziative SIGEA-APS sul tema delle coste in ambito nazionale – e identitario per la rilevanza che esso riveste storicamente e culturalmente nella realtà ambientale, paesaggistica e socio-economica, risorsa che è necessario valorizzare attraverso la promozione di politiche di gestione che privilegino l’uso consapevole e sostenibile del territorio e delle risorse naturali”.

Il programma del webinar

Nelle due giornate interverranno tra gli altri l’Assessora all’Ambiente della Regione Puglia Anna Grazia Maraschio, proponente con l’Assessore Raffaele Piemontese, della legge sulla “Giornata regionale della costa” e l’Avv. Costanza Moreo, Dirigente della Sezione demanio e patrimonio della Regione Puglia.

La partecipazione ai due webinar è libera previa iscrizione.

Programmi e informazioni  QUI

E domani – 10 Aprile – ore 10, Giornata Nazionale del Mare, presso l’IISS “Mons. Antonino Bello” di Molfetta, dove gli studenti esporranno opere artistiche e fotografiche con coreografie e canti, interverrà, tra gli altri, Giuseppe Spilotro, già docente di Rischio Idrogeologico dell’Università degli Studi della Basilicata e componente del Consiglio direttivo SIGEA-APS Sezione Puglia,

Articoli correlati