Input your search keywords and press Enter.

Confessioni golose: i burger di lenticchie rosse

Gustose confessioni di una golosa non tanto pentita, passata di recente alla cucina green. Ecco i suoi burger di lenticchie rosse.

Per oltre due anni ho vissuto in Belgio, dove – tra birre, formaggi, cioccolata e spezzatino alla birra (e burro “come se piovesse”) – il colesterolo si è molto affezionato a me, intrecciando un legame unico. Per questo, da quando sono tornata, ho deciso che anche #iocucinogreen. La ricetta che propongo, dopo aver usato parenti e amici come cavie, è quella di piccoli e deliziosi burger di lenticchie rosse.

La lotta al cambiamento climatico inizia in cucina

Il cibo può rivelarsi un fattore chiave per lo sviluppo sostenibile. Lo affermano i fratelli Roca, Goodwill Ambassadors delle Nazioni Unite, che hanno lanciato un concorso di cucina sostenibile.

L’obiettivo è sensibilizzare i consumatori, e far capire che possiamo fare molto più di quanto si pensi. Ad esempio, possiamo contribuire a mantenere l’aumento della temperatura al di sotto dei 2° (come vuole l’Accordo di Parigi) anche solo scegliendo di ridurre il consumo di carne – quantomeno di carne rossa. I bovini, infatti, rilasciano metano nell’aria secondo modalità che in una metropolitana affollata sarebbero “difficilmente apprezzate”. Una riduzione della domanda di tale prodotto porterebbe a ridurre sensibilmente il rilascio di gas nell’atmosfera. La Germania ha già agito in tal senso.

Ingredienti a Kilometro Zero

Ancora, ogni ambientalista sa che comprare prodotti a km zero riduce l’inquinamento dovuto al trasporto delle merci. E così, trascinando un carrellino, sono andata al mercato.

Se non gradite la paprika, un’alternativa è la curcuma

Ecco la mia lista della spesa:

  • 200 grammi di lenticchie rosse decorticate
  • una carota
  • due patate piccole (o una patata grossa)
  • 100 gr di pangrattato
  • una cipolla rossa
  • paprika (un cucchiaino raso)
  • sale e olio EVO q.b.
Procedimento

Le lenticchie rosse decorticate sono un’ottima fonte di proteine vegetali; sono inoltre povere di grassi e ricche di ferro, e più semplici da digerire rispetto agli altri legumi. Inoltre – fondamentale per chi ha poco tempo – non necessitano di ammollo. Le amo anche (ok, soprattutto!) per questo.
Ebbene, mettetele in una casseruola con dell’acqua, le patate, la carota e un po’ di sale, e lasciate che raggiungano la cottura desiderata.

Qui tutte le proprietà delle lenticchie rosse

Tagliate intanto a pezzi la cipolla rossa, e in mettetela in un frullatore col pangrattato, il sale e la paprika. Quando le lenticchie saranno cotte, unitele – insieme alle patate e alla carota agli altri ingredienti, e frullate il tutto. Se l’impasto non è omogeneo, aggiungete un filo d’olio e/o una tazzina di acqua di cottura delle lenticchie.

E ora, prepariamo i nostri burger

Lasciate che l’impasto si raffreddi leggermente, e poi preparate i vostri burger. Prima fate delle polpettine, poi appiattitele. Per non farle attaccare, le ho “impanate” con dell’altro pan grattato.

Potete cucinarli in padella, mettendo un filo d’olio e facendoli dorare su entrambi i lati per circa 6 o 7 minuti. Ho deciso di servirli al piatto su un letto di rucola e pomodorini, con un contorno di melanzane e zucchine grigliate. Il bello dei burger, tuttavia, è che si possono servire come meglio credete!

E voi, come li preparereste?

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *