Amianto e paesaggio, due concorsi per gli studenti

Terza edizione del contest fotografico che ritrae i paesaggi geologici pugliesi e prima edizione di “Storie di Lavoro e di Morte – Dialoghi d’Amianto”.  Tutte le informazioni sui concorsi

Ecco due concorsi che si propongono di chiamare gli studenti a riflettere sulle bellezze della natura ma anche sui danni all’ambiente dovuti al comportamento criminale di uomini e istituzioni.

Il primo è un contest fotografico organizzato da Sigea Puglia.  Con Scopri e fotografa il patrimonio geologico della Puglia la SIGEA – Società Italiana Geologia ambientale -Sezione Puglia,  si pone il fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei siti di interesse geologico (geositi) e i paesaggi geologici della Regione Puglia, Il concorso fotografico – ormai alla sua terza edizione -è rivolto agli studenti delle scuole medie superiori della Puglia.

concorsi fotografici
“Cava di bauxite” di Raffaella Casalino, tra le foto vincitrici della prima ed. di “Scopri e fotografa il patrimonio geologico della Puglia”

La partecipazione al concorso è totalmente gratuita. Possono partecipare tutti gli studenti delle scuole medie superiori della Puglia che sono interessati a condividere le emozioni ricevute attraverso la rappresentazione di uno degli aspetti dei “paesaggi geologici” della regione; riprese a volte estemporanee e inattese, spesso realizzate durante passeggiate o lavori di rilevamento, quando si prova un forte desiderio di non perdere quella forma, quel cromatismo, quel bel gioco bizzarro ed irripetibile di forme ed ombre che solo la natura riesce a creare. Saranno premiate 15 foto e agli autori delle tre foto più rappresentative dello spirito del concorso sarà offerto un buono acquisto di 100 euro.

Le foto dovranno essere inviate entro il 30 aprile 2017 seguendo le istruzioni disponibili sul sito di Sigea Puglia;  ogni partecipante potrà presentare un numero massimo di 5 foto. Regolamento e modalità di partecipazione qui.

Concorsi per riflettere

Sempre  Sigea  Puglia, ma stavolta insieme alla Sezione Val Basento – Basilicata dell’Associazione Italiana Esposti Amianto, l’Associazione Familiari Vittime amianto di Bari, il Comitato Cittadino Fibronit di Bari, l’Associazione Capo Gallo e l’Associazione Memoria Condivisa, in collaborazione con il Comune di Bari e il Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bari, indice la prima edizione del concorso “Storie di Lavoro e di Morte – Dialoghi d’Amianto”.
Il concorso, bandito in occasione della XII Giornata mondiale delle vittime dell’amianto (28 aprile) , è rivolto alle scuole secondarie di secondo grado di Bari, vuole contribuire a creare  una maggiore consapevolezza dei danni arrecati al territorio regionale dalle sostanze tossiche, nocive e cancerogene come le fibre killer dell’amianto.

Il concorso vuole invitare tutti gli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado di Bari a riflettere sulla gravità della catastrofe sanitaria e ambientale che l’utilizzo dell’amianto ha comportato e tuttora comporta, sul Piano nazionale Amianto ed in particolar modo sullo stato dell’arte della bonifica del maggior sito inquinato del territorio di Bari, lo stabilimento Fibronit (nella foto di copertina).

Il concorso prevede elaborati di tipo letterario, artistico, multimediale e ricerche. La data di consegna degli elaborati è il 31 marzo 2017.  verranno selezionatele 5 opere più significative  che verranno premiate con buoni acquisto da 450 a 50 euro il 28 Aprile 2017, nell’ambito di una manifestazione organizzata presso il Liceo Scientifico Fermi di Bari in occasione della XII Giornata mondiale delle vittime dell’amianto.

Tutte le informazioni qui

Articoli correlati