CONAI lancia “Il mio pianeta” a Bari

Ad un anno dall’avvio della campagna di comunicazione di Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, per promuovere tra i cittadini baresi una corretta raccolta differenziata di carta e cartone, i risultati ottenuti nel Comune pugliese sono superiori alle aspettative.

Grazie anche all’impiego di una flotta di 14 cartonmezzi che hanno raccolto carta e cartone per le vie cittadine e capillari iniziative di comunicazione che hanno coinvolto televisioni e cinema, Comieco ha divulgato un messaggio importante che ha dato ottimi risultati: “il ciclo del riciclo di carta e cartone non si ferma mai” e la carta da rifiuto può tornare in vita innumerevoli volte per diventare nuovamente risorsa. Lo dimostra anche una ricerca promossa dal Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI) e realizzata da Doxa Marketing Advice, che mette in evidenza che gli italiani sono un popolo complessivamente responsabile nei confronti dei beni pubblici, della società e dell’ambiente con un indice di responsabilità di 66 su 100.

Sui temi legati all’ambiente e alla sostenibilità, la popolazione di Bari si dimostra in linea con la media nazionale (74%) per la diffusione di abitudini di consumo più sostenibili e più di 3 cittadini su 4 si dichiarano responsabili nell’attenzione quotidiana alla raccolta differenziata e alla corretta gestione dei rifiuti.

recupero della carta
nel 2015 sono state raccolte nel territorio della provincia barese 71.139 tonnellate di rifiuti di imballaggio

Secondo i dati preconsuntivi del CONAI, nel 2015 sono state raccolte nel territorio della provincia barese 71.139 tonnellate di rifiuti di imballaggio (in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro), in crescita del 11,4% rispetto al 2014. Questi quantitativi corrispondono a 420.941 cassonetti pieni di rifiuti indifferenziati. Se fossero messi in fila, questi cassonetti coprirebbero 758 km, corrispondenti a 5 volte la distanza che separa Bari e Lecce.

«L’assunzione di responsabilità del singolo attraverso gesti semplici come la corretta separazione dei rifiuti – ha commentato Fabio Costarella, Responsabile Area Progetti Territoriali Speciali di CONAI – è fondamentale per garantire l’avvio a riciclo dei rifiuti d’imballaggio. Ma la salvaguardia dell’ambiente non è l’unico ambito che si avvantaggia da questa azione concreta. Anche l’economia e l’occupazione ne traggono benefici consistenti: la filiera del riciclo in Italia vale infatti ogni anno circa 10 miliardi di euro e dà lavoro a 37 mila addetti, di cui 18mila impiegati nella sola gestione dei rifiuti di imballaggio».

Il riciclo dei rifiuti d’imballaggio ha permesso a Bari ed ai comuni della provincia di beneficiare, nel solo 2015, di 7 milioni e mezzo di euro di corrispettivi per i maggiori oneri derivanti dalla raccolta differenziata degli imballaggi, secondo quanto previsto dall’ Accordo Quadro ANCI-CONAI.

Alla luce di tali risultati, sarà realizzato dal CONAI sabato 25 giugno alle ore 12,00 l’evento nazionale “ Il mio Pianeta ” presso il Lido Pane e Pomodoro di Bari. All’iniziativa sarà presente l’Assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli. La tappa barese fa parte di un tour nazionale, partito a fine maggio da Milano e che toccherà altre 5 città oltre Bari (Genova, Torino, Catania, Catanzaro e Rimini. Protagonista è un materiale di riciclo diverso per ogni tappa e nel capoluogo barese sarà appunto la carta. Il mio pianeta è un flash mob pensato per far riflettere il cittadino su come ogni suo piccolo gesto quotidiano – come ad esempio la corretta separazione dei rifiuti – possa incidere in maniera consistente sulla tutela e la salvaguardia del Pianeta. L’iniziativa si giova di un video presentato a Torino durante la 19a edizione di Cinemambiente, festival di cinema ambientale.

«Con un pro capite nel primo quadrimestre del 2016 pari a 83 kg/abitante, dato superiore di due volte e mezzo alla media regionale, che si attesta sui 33 kg/abitante, e una crescita rispetto al 2015 del 9%, il Comune di Bari rappresenta certamente una realtà virtuosa nella raccolta differenziata di carta e cartone»,  ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. «Confidiamo fermamente nelle potenzialità di questo Comune che solo nel 2015 ha ricevuto dal Consorzio 1 milione e 600 mila euro in corrispettivi per la raccolta differenziata degli imballaggi cellulosici:  la raccolta differenziata di carta e cartone è diventata un’abitudine consolidata per i cittadini baresi e la loro città è un modello per tutto il Sud Italia».

 

Articoli correlati