Input your search keywords and press Enter.

Come sta l’ambiente in Italia?

Ancora allarme frane in Italia mentre si registrano meno incendi e una crescita del patrimonio forestale. Più calde poi le temperature, +1,9% gradi Centigradi registrati nel 2009. Questa la fotografia dell’Ambiente in Italia che l’Ispra ha di recente presentato nell’Annuario dei Dati Ambientali – Edizione 2010, opera dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale in sinergia con il Sistema agenziale. Tra le questioni più scottanti analizzate dall’Annuario compare senz’altro l’inquinamento atmosferico. Dal 1990 al 2009 sembrano in diminuzione le sostanze acidificanti presenti nell’aria: un dato positivo che tuttavia non basta a rimuovere il problema. Infatti, a mettere in pericolo la nostra salute resta la presenza di polveri, ozono e biossido di azoto. Un inquinamento confermato, nel 2009, dalle stazioni di monitoraggio di PM10 che per il 45% dei casi ha superato il valore limite giornaliero. Sono soprattutto le grandi città dell’area padana a registrare i livelli più alti di queste polveri. Comunque la maggior parte delle stazioni – cioè il 77% delle 60 stazioni con copertura temporale del 90% – rispettano il valore limite di 25 μg/m3, che entrerà in vigore nel 2015.

Print Friendly, PDF & Email