Input your search keywords and press Enter.

Clini ministro dell’Ambiente

É Corrado Clini il ministro dell’ambiente designato dal neo premier Mario Monti. «Sono un servitore dello Stato che aspetta ordini. Mi preparo a un impegno che onorerò nel modo migliore». Queste le prime parole del ministro pronunciate ai microfoni di Tgcom24. «I primi passi – ha dichiarato- saranno gli ultimi del governo che c’è stato lasciato. C’è un calendario di impegni, obblighi derivanti da direttive europee su cui lavorare. Non vedo segni di discontinuità, ma dobbiamo lavorare molto di più. L’impegno del governo Monti è elevato».

Attualmente alla guida della direzione generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l’energia, Clini – 64 anni, laureato in medicina del lavoro e in igiene e sanità pubblica – è senior research fellow ad Harvard e autore di oltre 40 pubblicazioni scientifiche. Coordinatore della Commissione tecnica del Cipe, ha elaborato il piano nazionale per la riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra; è stato presidente del comitato nazionale di gestione per le attività del protocollo di Kyoto (2005-2009); focal point del protocollo di Montreal per la protezione della fascia di ozono; è stato membro del consiglio di amministrazione e vice commissario dell’Enea (2004-2007); membro del China Council for International Cooperation on Environment and Development; membro del board dell’Agenzia europea dell’ambiente.

Fondamentale il ruolo di Clini durante il G8 svoltosi in Italia nel 2009, nell’ambito del Forum sulle tecnologie a basso impatto di carbonio (Trieste e Bologna) e del vertice dei ministri dell’Ambiente a Siracusa. Ha ricoperto la carica di presidente della Global Bioenergy partnership (2005-2009), a cui aderiscono 20 Paesi. Infine, da agosto è presidente del Consorzio per l’area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste.

Print Friendly, PDF & Email