Clima ed Energia, la Regione Puglia e i Comuni si impegnano per il Patto

foto archivio

Maraschio e Delli Noci: “Regione Puglia esempio di eccellenza a livello europeo”

 

I Sindaci pugliesi insieme alla Regione hanno deciso di impegnarsi a rispettare il Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia. Si tratta di una strategia lanciata nel 2008 e promossa dalla Commissione europea per spingere a livello locale le amministrazioni a centrare gli obiettivi di riduzioni delle emissioni inquinanti entro il 2050.

Il Patto

Da gennaio 2022, la Regione è operativa per supportare le Amministrazioni pugliesi nelle fasi di adesione al Nuovo Patto dei Sindaci per il Clima & l’Energia e nella redazione dei PAESC, i Piani di Azioni per le Energie Sostenibili e il Clima di cui dovranno dotarsi i Comuni pugliesi. Non solo: sarà sempre la Regione Puglia a finanziare i PAESC, riconoscendo un voucher per la redazione dei Piani ai Comuni pugliesi che parteciperanno al bando regionale di prossima pubblicazione.

Parallelamente, la Regione è impegnata nella redazione della Strategia Regionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (SRACC), che rappresenta l’importante quadro strategico entro cui collocare le azioni per l’energia e il clima. Lo scopo è quello di elaborare una strategia regionale in linea con la strategia nazionale (SNACC) promossa dal Ministero dell’Ambiente, al fine di rendere la Puglia una regione climaticamente neutrale entro il 2050.

La cabina di regia del Patto è affidata al Dipartimento Ambiente, Paesaggio e Qualità Urbana della Regione Puglia sotto la guida dell’Assessore Anna Grazia Maraschio e del Direttore Paolo Garofoli, in sinergia con l’Assessorato allo Sviluppo Economico guidato dall’Assessore Alessandro Delli Noci.

Per agevolare il lavoro dei Sindaci, la Regione Puglia ha predisposto un apposito sito web (https://pugliacon.regione.puglia.it/web/sit-puglia-dipartimento/home1), in cui è possibile reperire tutti i documenti utili per l’adesione al Patto dei Sindaci e richiedere assistenza tecnica per la partecipazione all’iniziativa.

I commenti dei partecipanti all’incontro

Gli assessori Delli Noci e Maraschio

«L’Assessorato all’Ambiente – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente e alla Pianificazione Territoriale Anna Grazia Maraschio – favorirà il processo di adesione al Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia dei Comuni pugliesi tramite un supporto operativo agli enti locali e un supporto finanziario concertato con l’Assessorato allo Sviluppo Economico».

«Il sistema di incentivazione attraverso i voucher pensato dalla Regione Puglia è importante – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Delli Noci – perché ci consente di sostenere i Comuni, molti dei quali vivono una situazione economica finanziaria complessa, dando loro l’opportunità di coinvolgere professionisti specializzati nella redazione dei PAESC. In questo modo, possiamo uniformare la programmazione e permettere a tutti di adottare un approccio comune per affrontare la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici».

Plauso per l’iniziativa della Regione Puglia è stato manifestato dal responsabile del Covenant of Mayor di Bruxelles, Davide Cassanmagnago, che ha evidenziato come la Regione Puglia sia oggi una best pratices e un esempio virtuoso a livello europeo, rappresentando una delle poche regioni che ha intrapreso la via del supporto ai Comuni del territorio sia sul piano dell’assistenza tecnica per l’adesione all’iniziativa, sia dal punto di vista delle risorse finanziarie messe in campo per sostenere la redazione dei PAESC.

«ENEA – ha evidenziato Ilaria Bertini, direttrice del Dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica – fornisce supporto strategico e strumenti alle PA locali per l’implementazione di piani a sostegno di uno sviluppo sempre più sostenibile».

«I sindaci – ha dichiarato Domenico Vitto, presidente Anci Puglia – possono avere un ruolo determinante nella ricerca di soluzioni ecosostenibili ai problemi del territorio, attraverso la consapevolezza delle proprie comunità e l’azione sinergica e coordinata tra i livelli di governo competenti».

«Finalmente – ha spiegato Fiorenza Pascazio, delegata Anci Puglia all’Ambiente – si potrà dare forte impulso alla redazione dei Piani di Azione per il clima, impegnando ogni Sindaco alle azioni positive per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, che sono destinati ad impattare in maniera determinante sulle nostre comunità».

Articoli correlati