Home Ambienti Ciclovie turistiche: nasce “Garda by bike”, un anello di 140 km per...

Ciclovie turistiche: nasce “Garda by bike”, un anello di 140 km per pedalare sul lago

756
0
SHARE
La pista ciclabile Garda by bike
La pista ciclabile Garda by bike

Una pista ciclabile di 140 km, con paesaggi mozzafiato e il fascino del Lago di Garda. Dal 2021 “Garda by bike” verrà inserita nella rete nazionale delle ciclovie turistiche

L’hanno già ribattezzata la “pista più spettacolare d’Europa”. Un anello ciclabile di circa 140 km che si sviluppa lungo le sponde del lago di Garda, sui territori di Trentino, Lombardia e Veneto. Un anello sospeso sul lago. E, come fantasticano i rappresentanti di alcuni degli enti coinvolti, “in alcuni tratti si avrà la sensazione di ‘camminare’ in bicicletta sulle acque. Insomma, di tutte le ciclovie già realizzate o in fase di realizzazione nel Belpaese, questa si preannuncia come la più spettacolare.

LA PISTA

Idealmente sull’acqua, concretamente si pedalerà in tratti oggi dismessi come vecchie gallerie, attraverso Sirmione, Lonato del Garda, e altri comuni come Manerba del Garda, Gargnano, Tignale e Limone sul Garda. Il nuovo tratto in costruzione si dipanerà per 1,3 chilometri, con una passerella a picco sul lago. La pavimentazione sarà realizzata con materiale simile al legno, ma resistente alle intemperie.  Lungo tutto il tratto, inoltre, correrà una sottile barriera protettiva d’acciaio, per avere meno impatto visivo sul paesaggio.

LEGGI ANCHE: Garda Green, proteggere l’ambiente per preservare il turismo

La pista (alcuni tratti, negli anni, sono stati già aperti ai cicloturisti) sarà collegata con la Ciclovia del Sole e la Ciclovia Vento. Appena terminata, offrirà una rete di lunga percorrenza a scala nazionale lunga oltre mille chilometri. E si sta anche valutando la possibilità di posizionare, alla fine della ciclabile, un servizio natanti. Si potranno così caricare a bordo turisti e riportarli a Limone.

GARDA BY BIKE, COSTI E BENEFICI

Garda by bike progetto ciclovie turistiche
Garda by bike e Gardesana

Il cantiere, che dovrebbe terminare nel 2021, prevede una spesa di 102 milioni: 39,4 milioni dalla Regione Lombardia, 17,8 dalla Regione Veneto, 44,8 dalla Provincia autonoma di Trento. Ne beneficia l’attrattività turistica del Lago di Garda, con maggiori presenze per la ciclabile (previsto un +220mila), con evidente ricaduta economica (positiva) per il territorio. Se ne gioverà anche l’ambiente: stimata una minore emissione di CO2 per 3300 tonnellate.

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Gli obiettivi che si vogliono perseguire con questo progetto sono innanzitutto turistici: creare un’infrastruttura che permetta ai turisti del lago di Garda di percorrere l’intero periplo in sicurezza su percorsi protetti, dedicati e ben segnalati.

Poi, ciclismo sportivo: non praticabile sul percorso in alta stagione estiva, “ma che farà registrare un elevato afflusso di praticanti nelle altre tre stagioni”.

La pista ciclabile Garda by bike
La pista ciclabile Garda by bike

E ancora mobilità sostenibile: mettendo in rete gli abitati rivieraschi in modo da permettere ai residenti di effettuare gli spostamenti in maniera sostenibile ed ecologica muovendosi con bici tradizionali o bici elettriche in sicurezza. Infine, multimodalità auto-bici-autobus-battello a tutti i cittadini.

 

IL MINISTERO

Per la realizzazione del progetto, Regione Lombardia, Regione Veneto e Provincia autonoma di Trento hanno costituito a giugno 2016, un gruppo di lavoro, composto da tecnici delle tre amministrazioni e coordinato dall’ingegner Raffaele De Col. Lo studio tecnico di fattibilità è stato sottoposto al ministro Delrio che ha apprezzato l’anello ciclabile del Garda e ha riconosciuto “l’interesse nazionale e l’importanza strategica del circuito per le caratteristiche di mobilità dolce, la valenza turistica internazionale e la ricaduta economica sul territorio”.

Il progetto è stato inserito nel sistema delle reti delle ciclovie turistiche del sistema nazionale.

LEGGI ANCHE: Biciclette, allo studio pista ciclabile che colleghi l’Italia

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY