Cibo naturale e… “Contro natura”

L’attenzione per la propria salute alimentare in costante rapporto con la sfera naturale è una questione sempre più d’attualità negli ultimi anni, e l’Expo di Milano – che proprio nell’alimentazione ha il suo focus – non ha trascurato l’argomento. Alla luce di questo, ha una certa risonanza il libro di Dario Bressanini e Beatrice Mautino, Contro natura.
Contro natura, natura modificata – Il titolo ha già di per sé una connotazione provocatoria, e per quanto la tematica possa a primo acchito sembrare banale, trita e ritrita, la sua originalità sta proprio nell’approccio insolito al mondo del cibo “bio” piuttosto che degli organismi geneticamente modificati (OGM). La premessa è già chiara ed importante: «sappiamo troppo poco di ciò che finisce nei nostri piatti». Per questo motivo è fondamentale sapere ciò che davvero fa bene al nostro organismo, e per una tale conoscenza non si può prescindere da una matrice storico-scientifica; basta leggere l’indice del testo, edito da Rizzoli – senza approfondire per non togliere il piacere della lettura – per rendersi conto di quello che (non) sappiamo in materia: “pasta radioattiva”, “quando le carote erano viola”, “girasoli mutanti” o “alla ricerca del riso mutante”. Questi sono solo alcuni dei titoli dei capitoli, ma si evince in modo chiaro il comune denominatore dei due scrittori: l’uomo nel corso del tempo ha dominato, modificato, spostato gli equilibri genetici dando vita a cambiamenti del mondo naturale. Non per questo per forza negativi. Ma diversi sì. Ogni pagina racconta come era il mondo naturale ieri e come lo è oggi, come una ricombinazione di geni abbia a poco a poco variato certi aspetti, e dà anche risposte precise e dirette a considerazioni quotidiane: per esempio perché «cinquant’anni fa nasceva un bambino intollerante al glutine ogni 1000-2000. Adesso ne nasce uno ogni 100»? Ripetiamo, non andiamo a svelare troppo, però lanciamo un ultimo piccolo spoiler: le pagine conclusive, racchiuse nella chiosa “dal Bio al BioTech” dice che «il cibo “naturale” non esiste, così come, paradossalmente, non esiste il cibo “contro natura”». Per arrivare a questo teorema…
Lavoro a quattro mani – Contro natura è la simbiosi tra il chimico e docente universitario, nonché scrittore Dario Bressanini, e la biotecnologa, giornalista e comunicatrice scientifica Beatrice Mautino. Entrambi vantano già altri testi in materia, pubblicazioni, saggi e Bressanini anche un blog, chiamato Scienza in cucina, dove ha portato alla luce questa sua teoria; lo stesso vale per la dottoressa nativa di Ivrea, dirige anche lei il blog I divulgatori scientifici. Insomma, due menti fertili e molto attive, capaci di catalizzare un grande dibattito in modo serio e consapevole. Il tutto in un libro “leggero” sia nella forma che nell’esposizione dei contenuti.

Bressanini D., Mautino B., Contro natura. Dagli OGM al “bio”, falsi allarmi e verità nascoste del cibo che portiamo in tavola, ed. Rizzoli, 2015, p. 302, € 17,50

Articoli correlati