Casa Netural: a Matera uno spazio per sentirsi “in condivisione”

Casa Netural, realizzato a Matera, capitale europea della cultura 2019, è un progetto innovativo di condivisione di spazi, esperienze e competenze.

Casa Netural di Matera con gli “animatori” del progetto di ambiente condiviso.

Casa Netural, realizzato a Matera, capitale europea della cultura 2019, è un progetto di ambiente aperto alla condivisione con la community. I giovani “animatori” sono Andrea Paoletti, cofounder insieme a Mariella Stella, Sonia Polimeno, responsabile della gestione dei progetti, Susanna Camerlego, community manager e Samuele Biagioni, responsabili della comunicazione. I “padroni” della casa con le loro idee e progetti accolgono e invitano Ambient&Ambienti a conoscere l’innovativo ambiente.

Casa Netural è un motore di trasformazione di Matera, capitale europea della cultura 2019

Prima di tutto è bene partire dall’idea innovativa di Casa Netural, nata dal concepimento di uno spazio di co-working a Matera, già realizzato in altri territori, ma inteso un motore di trasformazione culturale, imprenditoriale di un territorio. La casa diventa un luogo ideale di aggregazione di persone, contenuti e competenze per permettere la creazione di nuove opportunità per tutti. Casa Netural è un’associazione, nata nel 2012 nella zona più turistica dei Sassi di Matera, che si è sviluppata poi nel quartiere San Pardo, una zona più “aperta” e vicina alla stazione ed ai mezzi di trasporto. La “porta” è sempre aperta a coloro che vogliono condividere il progetto ambientale.

LEGGI ANCHE: Cartapesta di Matera: l’antica arte della capitale europea della cultura 2019 “si rinnova”

Casa Netural è uno spazio “aperto”

Casa Netural, dunque, è uno spazio sempre “aperto”. Lo dimostrano lo stesso Andrea Paoletti, architetto torinese di 38 anni che si è trasferito a Matera, capitale europea della cultura, per realizzare la sua idea. Anche Samuele Biagioni, toscano di 30 anni, ha deciso di trasferirsi a Matera per cogliere i vantaggi e le opportunità della condivisione di talenti e potenzialità in un ambiente domestico. Come loro, altri cento associati la pensano nella stessa maniera. La condivisione è una ricchezza ed offre opportunità. La loro filosofia di vita si potrebbe diffondere.

Casa Netural, spazi per vivere in condivisione

Gli spazi di Casa Netural che si possono condividere.

A questo punto si passa a conoscere gli ambienti di Casa Netural, organizzati su quattro piani. Basta salire e scendere la scala che collega la cucina, un ambiente di convivialità e condivisione d’idee, con il co-working, uno spazio di lavoro condiviso, il co-living, un’esperienza di vita in community per conoscere Matera e l’incubatore, un percorso originale di ispirazione, analisi e studio per dare forma al proprio progetto creativo. Sono stati realizzati anche il parco urbano Agor-agri con Agri Netural, che ha permesso la mappatura degli spazi verdi in disuso di Matera. C’è persino Netural Farm, una “finestra” sulle produzioni bio.

Casa Netural, c’è spazio anche per la cultura

A Casa Netural c’è spazio anche per la cultura. Sono stati creati un salottino, dove ogni sabato si tengono laboratori di lettura per bambini e famiglie ed una biblioteca civica realizzata con la donazione di libri. Il progetto Mammamiaaa ha l’obiettivo di creare un archivio digitale di storie di famiglie legate ai cibo e fa parte delle iniziative di Matera capitale europea della cultura 2019.

Leggi anche “Matera capitale europea della cultura 2019. Progetti e cantieri.

Casa Netural, si apre il luogo ad energia pulita

Casa Netural, in ultimo, utilizza l’energia pulita di Lifegate e l’illuminazione a led. L’arredamento è stato realizzato con la community attraverso co-design. Casa Netural, insomma, è un progetto innovativo che non poteva che ricevere la menzione del Premio Compasso D’Oro 2018, organizzato dall’Associazione Design Italiano (ADI) per il design sociale. Casa Netural ha vinto anche il Premio economia circolare di Legambiente.

Articoli correlati