Capoliveri, discarica in un terreno agricolo vicino ad un torrente stagionale

La scoperta della Guardia di Finanza di Portoferraio. Denunciati i responsabili. La Procura ha disposto subito la bonifica dell’area

 

Nella nota località turistica di Capoliveri, in provincia di Livorno, la Guardia di Finanza della Sezione Operativa Navale di Portoferraio ha scoperto e sequestrato un’area utilizzata abusivamente per lo stoccaggio dei rifiuti.

Si tratta di circa 300 metri cubi di rifiuti, tra i quali ciclomotori, batterie esauste, contenitori di prodotti chimici e scarti di inerti, che erano stoccati in una parte di un terreno agricolo da una ditta edile. Denunciati un imprenditore locale in concorso con il proprietario del terreno per l’accusa di reati ambientali.

La Procura ha disposto subito il bonifico dell’area perché i rifiuti depositati potevano contaminare il terreno e la falda acquifera e perché, proprio vicino ai rifiuti, c’è un avvallamento naturale del terreno nel quale scorre un ruscello stagionale, che è stato subito messo in sicurezza. Per ripristinare rapidamente l’area, il magistrato che segue la vicenda ha chiesto anche la partecipazione del sindaco.

Articoli correlati