Bonus energia, come ridurre gli effetti degli aumenti

I consigli del Centro Tutela Consumatori Utenti per poter accedere agli aiuti del Governo

 

Gli aumenti di energia iniziati verso la fine dello scorso anno, si sono ripresentati anche nel 2022, tanto da spingere il Governo ad intervenire con misure ad hoc, per diminuire la pressione sulle famiglie, già duramente provate da 2 anni di pandemia e dalle conseguenze sanitarie, economiche e lavorative che ha portato il Covid.

Per alcune di loro arriva un aiuto dal Governo, che per contrastare questi rincari in bolletta ha aumentato i bonus sociali per disagio economico. In aggiunta agli importi annui, sono stati aumentati gli importi per il 1° trimestre del 2022. Il Centro Tutela Consumatori Utenti riassume brevemente come e a quali condizioni i consumatori possono accedere a questi bonus sociali.

Chi ha diritto a questi bonus sociali:

  • famiglie con indicatore ISEE fino a 8.265 €
  • famiglie con indicatore ISEE fino a 20.000 € con almeno 4 figli a carico
  • chi ha il reddito di cittadinanza oppure la pensione di cittadinanza
  • almeno uno dei componenti del nucleo famigliare deve avere un contratto di fornitura di acqua, energia elettrica, gas oppure avere accesso ad un allacciamento centralizzato d’uso domestico.

Riassunto importi bonus energia e gas:

Bonus Energia

Componenti

nucleo famigliare

Bonus 2022Bonus aggiuntivo

I° trimestre 2022

Importo totale
1 – 2128,00 €134,10 €262,10
3 – 4151,00 €163,80 €314,80
> 4177,00 €196,00 €373,20

(Esiste un bonus separato per le persone che sono dipendenti da dispositivi elettromedicali ed è necessario fare una domanda separata)

Per quanto riguarda il Bonus Gas, l’Italia è divisa in 6 zone climatiche, mentre il consumo varia in base al numero dei componenti familiari e all’uso. Per comprendere meglio la propria collocazione e il bonus, è possibile cliccare sul questo link dell’ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, https://www.arera.it/it/bonus_gas.htm, mentre il bonus è possibile calcolarlo cliccando su questo link https://www.arera.it/it/consumatori/gas/Bonus%20Gas.htm.

Cosa bisogna fare per ottenere il bonus?

Fino al 2020 era necessario recarsi presso un patronato (CAF) per fare richiesta, adesso invece basta presentare, di anno in anno, l’apposita Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). L’INPS provvede ad inoltrare automaticamente tutte le informazioni; dopo opportuna verifica i bonus saranno detratti direttamente in bolletta (eccezion fatta per chi vive in condominio con gli impianti centralizzati che invece devono farne richiesta, vedasi: https://www.consumer.bz.it/it/riscaldamento-centralizzato-gas-nei-condomini). I beneficiari dei bonus sociali verranno informati dell’ottenimento del bonus con una apposita comunicazione.

Articoli correlati